Header Top
Logo
Sabato 21 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • “Chiedo scusa per le violenze della polizia ai seggi” (il prefetto della Catalogna)

colonna Sinistra
Venerdì 6 ottobre 2017 - 14:55

“Chiedo scusa per le violenze della polizia ai seggi” (il prefetto della Catalogna)

Confermata l'accusa di sedizione per il capo dei Mossos
20171006_145541_F5B35444

Barcellona, 6 ott. (askanews) – Il principale rappresentante dello Stato spagnolo in Catalogna, il prefetto Enric Millo, si è scusato a nome della polizia con le persone ferite dagli agenti ai seggi del referendum vietato sull’indipendenza catalana di domenica scorsa. “Non posso fare altro che dispiacermene, presento le mie scusa, e nome degli agenti che sono intervenuti” ha detto Millo alla tv.

Intanto il capo della polizia catalana Josep Luis Trapero è arrivato oggi presso l’Audiencia Nacional di Madrid, il tribunale incaricato degli affari di sicurezza nazionale, dove è perseguito per “sedizione”. L’ha verificato un giornalista dell’agenzia di stampa France Presse.

Trapero è convocato come i suoi vice e i capi delle principali associazioni indipendentiste di Catalogna dopo il voto al referendum, vietato e represso da Madrid, per l’indipendenza della regione.

Oltre a Trapero, sono sotto inchiesta tre pesone: Teresa Laplana, una responsabile anche lei dei Mossos; Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, presidenti delle due più potenti associazioni separatiste, l’Assemblea nazionale catalana e Omnium.

I sospettati sono convocati nell’ambito dell'”inchiesta per sedizione” relativa alle manifestazioni avvenute il 20 e 21 settembre a Barcellona. Allora dimostranti di Anc e Omnium bloccarono la Guardia civil spagnola in un edificio per ore, danneggiando i veicoli dei poliziotti, un fatto passibile di 15 anni di prigione.

I sospettati sono stati accompagnati da un piccolo gruppo d’indipendentisti catalani, ma anche di nazionalisti baschi di destra e della sinistra indipendentista. Questi non sono stati autorizzati a entrare nel tribunale.

Bea/int5

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su