Header Top
Logo
Giovedì 14 Dicembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Processo uccisione Kim Jong Nam, presentata autopsia

colonna Sinistra
Martedì 3 ottobre 2017 - 13:55

Processo uccisione Kim Jong Nam, presentata autopsia

Le due ragazze arrestate si sono proclamate innocenti
20171003_135530_B58267E2

Roma, 3 ott. (askanews) – Il fratellastro del numero uno nordcoreano, Kim Jong Un, ha sofferto gravi danni dopo essere attaccato con un gas nervino nell’azione che ha portato alla sua morte. L’ha riferito un medico legale oggi nell’udienza del processo in Malaysia per l’uccisione di Kim Jong Nam.

Gli organi vitali del figlio maggiore del defunto leader Kim Jong Il sono stati dilatati da accumuli di fluido. Tra quelli più danneggiati i polmoni e il cervello, ha spiegato il medico Mohamad Shah Mahmood, che ha condotto l’autopsia di Kim Jong Nam.

Due giovani donne sono sotto processo per aver attaccato Kim Jong Un con l’agente nervino VX mentre questi era all’aeroporto di Kuala Lumpur, il 13 febbraio, in un assassinio che ha scioccato il mondo. L’uomo è morto in circa 20 minuti, dopo che il nervino gli è stato sparso sul volto.

L’indonesiana Siti Aisyah e la vietnamita Doand Thi Huong sono state arrestate giorni dopo l’uccisione, ma si proclamano innocenti. Le imputate rischiano l’impiccagione. Si difendono sostenendo di essere state ingannate da agenti nordcoreani che avrebbero loro fatto credere di partecipare a una candid camera.

La Corea del Sud ha accusato il Nord dell’uccisione, Pyongyang nega. Kim Jong Nam era stato anche l’erede designato di Kim Jong Il, ma era stato scartato dopo un suo arresto all’aeroporto di Tokyo dove si trovava con la famiglia – a suo dire – per visitare Tokyo Disneyland. Caduto in disgrazia, gli era stato preferito dal padre il fratellastro Kim Jong Un. L’uomo era così rimasto a vivere a Macao, sostanzialmente sotto la protezione cinese.

Nel secondo giorno di processo, il medico ha descritto all’Alta Corte di Sham Alam, fuori Kuala Lumpur, cosa ha scoperto nell’autopsia. “Le analisi mostrano la congestione degli organi interni e la dilatazione dei polmoni”, ha detto, usando i termini tecnici per indicare un eccessivo accumulo di fluidi negli stessi. Il cervello, il fegato e la milza avevano subito danni. Il peso del polmone destro era creciuto di 690 grammi sulla media per un maschio adulto. La conclusione è che effettivamente Kim è “morto per avvelenamento da VX”.

(Fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su