Header Top
Logo
Lunedì 21 Agosto 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Sandro Teti finisce su Le Monde con collezione etichette sovietiche

colonna Sinistra
Giovedì 10 agosto 2017 - 15:37

Sandro Teti finisce su Le Monde con collezione etichette sovietiche

In una banca a Milano. Vale fra i 3 e i 4 milioni di euro
20170810_153713_475C5ECB

Mosca, 10 ago. (askanews) – Su un paginone catalogato da Le Monde come “Art-maniaques”, l’editore Sandro Teti è comparso questa mattina con la sua bizzarra ma preziosa collezione: etichette di scatole di fiammiferi sovietici (e non). Si tratta di oltre 20.000 pezzi prodotti tra il 1860 e il 1991: per vederli, scrive le Monde, bisogna andare nel centro di Milano, vicino al Teatro alla Scala, e giù nel caveau di una banca, chiuso in una cassaforte sicura.

Teti al giornale confessa che in Russia, dove ha vissuto tra i 20 e i 24 anni, conosceva bene le strade di Mosca che erano “piene di opportunità d’oro”. Poi, nel 1992, dopo la caduta dell’URSS, Mosca non si presentava come una destinazione turistica: la capitale russa, disorientata dalla storia e devastata dai saccheggi, attraversava un periodo travagliato. E spaventati dai ladri, molti collezionisti preferivano abbandonare i loro beni, piuttosto che mettere le proprie vite in pericolo. “I collezionisti sono stati i primi ad essere assassinati… C’erano incredibili opportunità, avrei potuto comprare una serie di stampe dello scrittore e architetto italiano Giovanni Battista Piranesi. Ma mi innamorai di un’altra collezione”.

La collezione di etichette venne acquistata da Teti, dopo l’incontro con il nipote di un ingegnere russo che ha passato la vita a visitare tutti i Paesi produttori di fiammiferi. Oggi è stimata, secondo il prestigioso quotidiano francese, fra i 3 e i 4 milioni di euro. I pezzi più pregiati risalgono agli anni 30.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
VIDEO PIÙ POPOLARI
    Torna su