Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Clima, il mondo s’indigna per abbandono Usa di accordo Parigi

colonna Sinistra
Venerdì 2 giugno 2017 - 12:12

Clima, il mondo s’indigna per abbandono Usa di accordo Parigi

Litania di giudizi negativi. Italia Francia e Germania unite
20170602_121238_637D166D

Roma, 2 giu. (askanews) – “Giornata triste”, decisione “funesta”, “gravemente sbagliata”: le reazioni straniere all’annuncio di Donald Trump dell’uscita degli Stati uniti dall’accordo di Parigi sul clima sono unanimemente negative.

– ONU – ======= Il portavoce delle Nazioni Unite ha parlato di “grande delusione”. Il segretario generale Antonio Guterres “si affida alle città, agli stati e alle imprese degli Stati Uniti per continuare, con altri Paesi, a operare in favore di una crescita economica durevole a basse emissioni di Co2 che creerà posti di lavoro garantirà la prosperità nel XXIesimo secoloú ha precisato il portavoce Stéphane Dujarric.

– Cina – ======== La Cina, primo inquinatore mondiale, ha promesso di applicare comunque l’accordo di Parigi. “Le parti devono gioire di questo accordo raggiunto a fatica” ha detto la portavoce del minsitero degli Esteri cinese Hua Chunying, sottolineando che Pechino prenderà “misure concrete” in risposta al cambiamento climatico.

“rispetteremo sinceramente i nostri impegni”.

– Unione europea – ================== Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha definito “gravemente sbagliata” la decisione del presidente Usa e ha detto che “non si torna indietro”. Il mondo “può continuare a contare sull’Europa” nella lotta al cambiamento climatico, ha detto il commissario europeo all’Azione per il clima Miguel Arias Canete. “Nel periodo precedente l’accordo di Parigi, i responsabili della chimica europea hanno sostenuto pubblicamente un solido accordo sul cambiamento climatico e hanno applaudito gli sforzi per pervenire a un accordo ambizioso e vincolante. Ci atteniamo a questa posizione” ha detto l’ European Chemical Industry Council.

– Germania-Francia-Italia – =========================== Dichiarazione comune dei tre più grandi Paesi europei per esprimere il loro “rammarico” all’uscita degli Usa dall’accordo di Parigi che “non è negoziabile”. Il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno “confermato il loro impegno comune e risoluto per attuare l’accordo di Parigi” e manifestato la loro volontà “di difenderlo sulla scena internazionale” durante una conversazione telefonica, ha detto la presidenza francese.

– Germania – ============ La cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto di essere “rammaricata” delle decisioni Usa e ha promesso “azioni più decise che mai” per il clima. Il ritiro degli Usa “nuocerà” al mondo intero, hanno scritto in un comunicato congiunto sette ministri socialdemocratici del governo Merkel.

– Francia – =========== Per il presidente francese Emmanuel Macron, Trump ha “commesso un errore per tutto il pianeta” perchè “non c’è pianeta B”. In un intervento televisivo in inglese, indirizzato agli americani, Macron li ha invitato a “rendere di nuovo grande il nostro pianeta” (Make our planet great again), parafrasando lo slogan della campagna di Donald Trump. “Tutti gli scienziati, ingegneri, imprenditori cittadini impegnati delusi dalla decisione del presidente degli Stati Uniti” ha detto Macron, troveranno “nella Francia una seconda patria”. La sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha deciso di illuminare di verde il municipio ieri sera per “segnalare la disapprovazione” della capitale francese.

– Italia – =========== Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha detto che l’Italia “non fa passi indietro “sull’accordo di Parigi.

– Regno unito – ================ La premier britannica Theresa May ha detto ieri al telefono a Trump che l’accordo di parigi “protegge la prosperità e la sicurezza delle generazioni future” ha detto Downing Street.

“L’accordo di Parigi fornisce il quadro globale adeguato per proteggere la prosperità e la sicurezza della generazioni future, garantendo nel contempo l’accesso all’energia a noi cittadini e alle imprese” ha detto May a Trump.

– Belgio – ========== Per il governo belga la decisione Usa è “irresponsabile” ed è “un attacco alla parola data”.

– Danimarca – ============= Il premier danese Lars Lokke Rasmussen ha detto che è “un giorno triste per il mondo”, ma la Danimarca è “pronta a proseguire la battaglia per il clima per salvare le generazioni future”.

– Olanda – ========== il premier olandese Mark Rutte di è detto “rammaricato”. “Senza la partecipazione degli Stati uniti sarà più difficile raggiungere gli obiettivi dell’accordo ma il resto del mondo continuerà ad applicarlo” – Canada – =========== Il premier canadese Justin Trudeau ha comunicato a Trump la sua “delusione” in un colloquio telefonico, affermando “la volontà del Canada di lavorare sul piano internazionale per lottare contro il cambiamento climatico” secondo una trascrizione della telefonata. Trudeau in una nota ha espresso “profonda delusione”.

– Brasile – =========== Anche il Brasile, per bocca del ministro degli Esteri, ha espresso “profonda delusione e preoccupazione” e ricordato che “il combattimento contro il cambiamento climatico è un processo irreversibile, inarrestabile e compatibile con la crescita economica”.

– Argentina – ============== Il governo argentino ha espresso “profondo rammarico” per la decisione di Trump, che ha un impatto “non solo sull’efficacia dell’accordo” di Parigi, ma anche “sullo spirito di cooperazione e solidarietà dimostrato da tutti i firmatari della convenzione”.

– Messico – =========== Nonostante la decisione Usa il Messico continuerà a “incoraggiare la cooperazione internazionale , senza restrizioni, perchè l’accordo di Parigi si applichi nella sua totalità. Secondo i ministeri di Esteri e Ambiente il cambiamento climatico “è un fatto assodato basato su prove scientifiche” e agire per frenarlo “un imperativo morale”.

– Fiji- ======= Decisione “infelice” degli Usa secondo il premier figiano Voreqe Bainimarama, che presiederà la Cop23 quest’anno in Germania.

– Australia – ============== Il ministro dell’Ambiente e dell’Energia Josh Frydenberg ha garantito il rispetto degli impegni presi: “continuo a pensare che si tratti di un accordo del tutto sensato. Anche senza gli Usa il 70% delle emissioni globali sono contemplate nell’accordo”.

– Nuova Zelanda – ================== Per la ministra neozelandese del cambiamento climatico Paula Bennett le cose che ha detto Trump sono “semplicemente false”.

“non costerà di più nè per gli Usa nè per gli altri restare nell’accordo i Parigi e la lotta al cambiamento climatico creerà posti di lavoro, non li sopprimerà”.

– Polinesia francese – ====================== “Stupefatto”il presidente dell’assemblea della Polinesia francese Marcel Tuihani. “Ci spiace che il presidente degli Stati uniti non tenga in maggiore considerazione i popoli dei Paesi insulari del Pacifico la cui esistenza è minacciata dal riscaldamento globale”.

(fonte afp) Bea

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su