Header Top
Logo
Martedì 24 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Russia contro raid coalizione Usa “illegittimi” su forze siriane

colonna Sinistra
Venerdì 19 maggio 2017 - 16:29

Russia contro raid coalizione Usa “illegittimi” su forze siriane

Lavrov: intesa sul lotta a Isisi e al Nusra si sgretola
20170519_162845_40E05B84

Mosca, 19 mag. (askanews) – La Russia ha condannato un attacco della coalizione guidata dgli Usa sulla forze siriane filo-Damasco, definendolo “illegittimo” e affermando che potrebbe ostacolare l’offensiva contro i jihadisti dello Stato islamico. “E’ illegittimo, illegale e un’altra clamorosa violazione della sovranità siriana” ha detto il ministro degli Esteri Sergei Lavrov alla tv durante un viaggio a Cipro. Ha aggiunto che Mosca é “preoccupata” che “l’intesa emergente” sulla necessità di unire gli sforzi contro lo Stato islamico e e l’ex fronte al Nusra stia “cominciando a sgretolarsi”.

Ieri i jet della coalizione a guida Usa hanno effettuato un bombardamento nell’est del Paese contro un convoglio di forze filo-governative che si dirigeva verso una remota guarnigione vicino al confine giordano. In una nota la coalizione ha affermato di aver “colpito le forze filo-regime… che ponevano una minaccia alle forze Usa e dei partner”. La coalizione ha detto che il raid è arrivato dopo che la Russia non è riuscita a “a dissuadere il movimento pro-regime siriano” e che gli aerei della coalizione hanno “effettuato una dimostrazione di forza e sparato colpi di avvertimento”.

Lavrov ha detto di “non essere a conoscenza” che la Russia fosse stata avvertita dell’attacco e ha aggiunto che dalle informazioni preliminari ci sono vittime civili. “Stiamo ancora confermando i dettagli, ma secondo alcune notizie in seguito all’attacco sono morte varie decine di civili”. Ad aprile gli Usa hanno irritato fortemente la Russia bombardando una base dell’aeronautica siriana dopo un attacco chimico su un’area ribelle.

I rappresentanti di Damasco e dell’opposizione sono in Svizzera per il sesto round di colloqui sotto l’egida onu, ma i segnali di progresso sono scarsi. Il primo esito concreto del round in corso a Ginevra è l’intesa sulla creazione di un comitato di esperti per discutere di “questioni costituzionali”.

(fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su