Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Macron rinvia annuncio del nuovo governo per verifiche fiscali

colonna Sinistra
Martedì 16 maggio 2017 - 16:27

Macron rinvia annuncio del nuovo governo per verifiche fiscali

Reputazione esemplare dovrà essere pilastro nuova squadra
20170516_162713_6A279CE2

Parigi, 16 mag. (askanews) – Emmanuel Macron si è concesso un ritardo di 24 ore rinviando a domani l’annuncio del primo governo del suo quinquennio che dovrà coniugare reputazione esemplare, promesse di rinnovamento e riconciliazione politica, dopo la nomina ieri di un primo ministro di destra, Edouard Philippe. L’Eliseo ha reso noto nel primo pomeriggio che l’annuncio della composizione del governo atteso “a fine giornata” di oggi era stato rinviato alle 15 di domani. Anche il primo Consiglio dei ministri del mandato di Macron è rinviato di un giorno, a giovedì, così come il Consiglio di difesa, ha precisato la presidenza.

Se questa prima squadra di governo, preannunciata come “ristretta” – dovrebbe contare non più di una quindicina di ministri – paritaria e ampiamente aperta alla “società civile” è molto attesa, Emmanuel Macron “ha chiesto più tempo per permettere alla direzione delle Finanze pubbliche e all’Alta Autorità per la trasparenza della vita pubblica (Hatvp) di realizzare le verifiche necessarie”. I due organi dovranno procedere ad una prima verifica fiscale delle personalità prescelte e assicurarsi che “non si trovino in situazione di conflitto di interesse”, spiega l’Eliseo. La Hatvp è stata creata dalla legge sulla trasparenza adottata nel 2013 sotto il quinquennio di François Hollande, dopo lo scandalo Cahuzac. Essa procede ad una verifica fiscale dei ministri dopo la loro nomina.

Di ritorno dal suo primo viaggio all’estero, ieri a Berlino dalla cancelliera Angela Merkel, il capo dello Stato ha ricevuto questa mattina il suo primo ministro. Obiettivo: affinare la composizione di una squadra che incarni il “rinnovamento politico”, in vista delle legislative (11-18 giugno). Il presidente ha già dato mandato ad un primo ministro di 46 anni, il più giovane inquilino di Matignon da 30 anni, mai ministro; ad un numero 2 dell’Eliseo di 44 anni; e a un consigliere speciale di 30. (segue) (con fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su