Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Libia, vertice tra Tunisia, Egitto e Algeria il 1 marzo a …-2

colonna Sinistra
Giovedì 16 febbraio 2017 - 11:20

Libia, vertice tra Tunisia, Egitto e Algeria il 1 marzo a …-2

Roma, 16 feb. (askanews) – Il ministro Jhinaoui ha quindi difeso il ruolo svolto nei negoziati da Rachid Ghannouchi, leader del partito tunisino dei Fratelli musulmani, Ennahda, per convincere la controparte libica ad accettare un governo che includa anche esponenti che sostengono il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica sostenuto dall’Egitto. “Non c’è alcuna diplomazia parallela”, ha detto il ministro, a rimarcare come il il ruolo svolto da Gannouchi rientri nell’azione del governo.

L’azione di Ghannouchi ha infatti attirato le critiche di diversi attivisti politici e accademici libici che lo hanno accusato di voler promuovere un’agenda islamista. Accuse che hanno indotto nei giorni scorsi la stessa Algeria a difendere il suo coinvolgimento, sottolineando come le sue iniziative insieme a quelle del capo dell’ufficio del presidente algerino, Ahmed Ouyahia, rientrino nell’azione dei tre Paesi nordafricani per risolvere la crisi libica.

Nell’intervista alla Tap, il ministro degli Esteri ha quindi riferito del forte sostegno internazionale all’iniziativa dei Paesi nordafricani, in particolare di Italia, Germania, dell’Unione europea e degli Stati Uniti, così come del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Il dialogo, ha aggiunto il ministro, rimane aperto a tutti i libici, ad eccezione di quanti si sono macchiati di azioni terroristiche, e inviti a recarsi in Tunisia sono stati spediti a diversi protagonisti libici, tra cui lo stesso Haftar, “un patriota” e un “protagonista chiave” di qualsiasi soluzione della crisi libica.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su