Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • ##Siria, Turchia: Usa vanno invitati ad Astana. Russia per ora tace

colonna Sinistra
Venerdì 13 gennaio 2017 - 13:08

##Siria, Turchia: Usa vanno invitati ad Astana. Russia per ora tace

Ma si dice "interessata alla più ampia rappresentanza possibile"

Mosca, 13 gen. (askanews) – Il Cremlino “per ora” tace su un eventuale invito agli Stati Uniti per i negoziati di pace ad Astana che si dovrebbero tenere fra dieci giorni. Sinora era abbastanza chiaro che Washington sarebbe stata esclusa dalla intermediazione, dopo la recente tregua nel Paese devastato dalla guerra. E tuttavia il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto che la Turchia e la Russia hanno concordato che Washington “deve essere assolutamente invitata” ai colloqui sul futuro politico del Paese devastato dalla guerra, che si terrà nella capitale del Kazakistan il 23 gennaio, salvo rinvii di una settimana di cui si vocifera da parte dell’opposizione siriana.

Alla richiesta di commentare la dichiarazione turca, però, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha dichiarato: “Per ora non posso dire nulla su questo argomento. Naturalmente, siamo tutti interessati alla più ampia rappresentanza possibile delle parti in relazione alle prospettive di una soluzione politica in Siria.

Ma rispondere specificamente alla domanda, non posso”, ha detto Peskov ha detto ai giornalisti.

Per il 23 gennaio il cambio della guardia alla Casa Bianca sarà già avvenuto. E Donald Trump avrà già sostituito il presidente Usa uscente Barack Obama.

I negoziati per la Siria si terranno a fine gennaio nella capitale kazaka, sotto l’egida di Mosca e Ankara, sponsor di un cessate-il-fuoco entrato in vigore il 30 dicembre su tutto il territorio siriano, ma che non riguarda i gruppi jihadisti come l’Isis e l’ex fronte al Nusra. Ai negoziati parteciperà certamente l’Iran e, nei dichiarati auspici del Cremlino, anche altre “potenze regionali” come l’Egitto. Oltre ovviamente a rappresentanti dell’opposizione e del governo di Bashar al Assad.

Mentre l’Ovest è apparso sinora escluso.(Segue)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su