Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Oim: 71% dei migranti che arriva in Italia è vittima di tratta

colonna Sinistra
Martedì 18 ottobre 2016 - 09:38

Oim: 71% dei migranti che arriva in Italia è vittima di tratta

Il 49% ha detto di essere stato rapito per ottenere un riscatto
20161018_093840_E414A052

Roma, 18 ott. (askanews) – Il 71% dei migranti che partono dall’Africa alla volta dell’Europa lungo la rotta del Mediterraneo centrale è stato vittima di sfruttamento e tratta di esseri umani. E’ quanto denuncia l’Organizzazione internazionale per le Migrazioni (Oim) in una ricerca pubblicata oggi. Lo studio è stato condotto nell’arco di 10 mesi lungo le rotte del Mediterraneo centrale e di quello Orientale, raccogliendo i dati di oltre 9.000 migranti.

Lungo la rotta del Mediterraneo centrale, il 49% delle persone interpellate ha dichiarato di essere stato trattenuto contro la propria volontà, di fatto rapito per ottenere un riscatto. E la Libia è il Paese dove è avvenuta la maggioranza dei sequestri.

Quello che emerge con più forza dalla ricerca, ha sottolineato l’Oim in un comunicato, è il fatto che più è lungo il periodo di transito, più il migrante è vulnerabile rispetto a situazione di sfruttamento e tratta di esseri umani. Infatti, il 79% dei migranti che ha trascorso almeno un anno in un Paese diverso da quello di partenza ha vissuto almeno una delle situazione di sfruttamento prese in considerazione dall’Oim, ossia essere costretti a lavori o attività contro la propria volontà, lavorare senza essere remunerati ed essere appunto trattenuti contro la propria volontà.

I migranti intervistati in Italia sono quelli che hanno trascorso più tempo in transito: il 35% ha riferito di oltre sei mesi di viaggio verso l’Europa, contro l’11% riferito da quanti hanno seguito la rotta del Mediterraneo Orientale.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su