Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Panama Papers, gli Usa e il paradiso fiscale in casa: il Delaware

colonna Sinistra
Mercoledì 6 aprile 2016 - 17:05

Panama Papers, gli Usa e il paradiso fiscale in casa: il Delaware

Creare una società di comodo in Usa è molto semplice
20160406_170533_20780445

New York, 6 apr. (askanews) – Una delle sorprese dei Panama Papers è la quasi totale assenza di cittadini, politici e aziende americane dalla lista del network internazionale offshore attraverso il quale riciclare denaro e evitare di pagare tasse. Per ora solo 200 persone con residenza negli Usa sono state trovate all’interno dei 2,6 Terabite di dati sui clienti internazionali dello studio panamense Mossack Fonseca, specializzato nel creare società di comodo attraverso cui evadere il fisco. Nulla rispetto ai numeri di Cina, Regno Unito, Russia e Svizzera. La ragione, secondo quanto scrive il Guardian, è molto semplice. Creare una società di comodo negli Stati Uniti è più semplice che avere la tessera della biblioteca.

Secondo Shruti Shah – a capo dell’organizzazione anticorruzione Transparency International – l’anomalia è presto spiegata: è molto semplice formare una società con la quale nascondere la propria identità e il denaro. Così i cittadini americani avrebbero pochissimi motivi per andare a Panama. “Non devi per forza andare a Panama o in altri paradisi fiscali. Lo puoi fare in ogni stato americano”, continua Shah citando Delaware, Nevada, Wyoming tra i più attivi.

Prendiamo il Delaware. “È così tanto un sinonimo di società anonime e società fantasma che è stato indicato da Transparency International come uno dei casi più emblematici di corruzione”,ha aggiunto Shah. I paradisi fiscali di solito fanno pensare a luoghi esotici come il Belize o le isole Cayman. E invece nel 2015 nella classifica dei luoghi più attraenti per chi voleva nascondere denaro, gli Stati Uniti sono al terzo posto, davanti alle Cayman e Singapore, nella lista compilata dal Tax Justice Network. E Panama dove si trovava? Al tredicesimo posto.

L’evasione fiscale è stata al centro dell’intervento di ieri del presidente Barack Obama, che ha parlato di “uno dei più grandi problemi globali”.

Di fatto, non c’è nulla di illegale a costituire una società di comodo e molti Stati americani sono molto fieri delle loro leggi pro-business. Il Delaware si vanta di essere lo Stato in cui le aziende americane vengono costituite e hanno la loro sede legale: più di 1 milione, stando ai numeri dello Stato. Il 64% delle società inserite nella lista Fortune 500 hanno scelto il Delaware come sede legale.

Ma non è solo il Delaware ad avere norme particolarmente generose per cui vuole aprire una società. “Nessuno stato degli Usa richiede informazioni sul beneficiario” spiega Shah. “In alcuni Stati è più facile che in altri. In alcuni Stati c’è più denaro che in altri, perchè hanno leggi fiscali più morbide. Delaware, Nevada e Wyoming sono famosi per le loro legge fiscali, lo stesso vale per Texas e Florida”.

E adesso, continua il Guardian, dopo lo scandalo di Panama il numero di società costituite negli Stati Uniti potrebbero crescere. “Certamente” dice Heather Lowe, direttore per gli affari governativi di Global Financial Integrity. “Data l’inerzia degli Usa sul tema rispetto all’Unione europea ad esempio, è abbastanza probabile.

Dal 2008 il Congresso tiene ferma la Incorporation Transparency and Law Enforcement Assistance Act, una proposta di legge che obbligherebbe gli Stati a creare, mantenere e aggiornare un registro con le informazioni sui beneficiari di tutte le aziende create negli Stati Uniti.

“Il Delaware non è un paradiso fiscale. Il Delaware è un luogo in cui la maggior parte delle aziende americane ha sede legale, perché ha un regime fiscale molto intelligente” commenta Charles Elson, direttore del John L Weinberg Center for Corporate Governance alla University of Delaware.

Ma le società di comodo facilitano chi vuole nascondere i propri beni e commettere reati, ribatte Shah. Ad esempio a metà degli anni Duemila, l’ex deputato della Louisiana William Jefferson creò otto società di comodo per celare centinaia di migliaia di dollari di tangenti. Viktor Bout, notissimo trafficante di armi, aveva almeno una decina di società di comodo con sede in Delaware, Texas e Florida per coprire i suoi traffici d’armi. Non c’è motivo, dice Shah, per cui aprire una società di comodo è più facile che ottenere una tessera della biblioteca, per la quale è necessario esibire un documento.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su