Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • L’Unesco su Palmira: impossibile restaurare il tempio di Bel ridotto in polvere

colonna Sinistra
Lunedì 28 marzo 2016 - 14:27

L’Unesco su Palmira: impossibile restaurare il tempio di Bel ridotto in polvere

Secondo Damasco restauro possibile in cinque anni
20160328_142732_48319E9F

Parigi 28 mar. (askanews) – Credere di poter restaurare il sitoarcheologico di Palmira, gravememte danneggiato dalle miliziejihadiste dello Stato Islamico (Isis), potrebbe rivelarsi”illusorio”: lo ha affermato Annie Sartre-Fauriat, membro dellaCommissione di esperti dell’Unesco per il patrimonio siriano.
“Tutti sono entusiasti per la liberazione di Palmira, ma nonpossiamo dimenticare tutto ciò che è andato distrutto e lacatastrofe umanitaria del Paese, rimango perplessa sullacapacità, anche con l’aiuto internazionale, di restaurare ilsito”, ha spiegato l’esperta.
“Quando sento dire che si ricostruirà il tempio di Bel, mi sembraun’illusione: è impossibile ricostruire qualcosa che è ridotto inpolvere. Cosa si vuole ricostruire? Un nuovo tempio? Forse cisaranno altre priorità in Siria prima di restaurare dellerovine”, ha concluso Sartre-Fauriat.
In precedenza il responsabile delleAntichità siriane, Maamoun Abdelkarim, aveva affermato che “conil via libera dell’Unesco saranno necessari cinque anni perrestaurare le strutture danneggiate o distrutte dall’Isis”, e dalmomento che Damasco dispone di “personale qualificato, conoscenzee ricerca” i lavori potrebbero “iniziare nel giro di un anno”.
Secondo il responsabile delle Antichità siriane “l’80%” del sitoarcheologico si trova in buone condizioni: “Gli espertiarriveranno oggi a Palmira, ho chiesto loro di valutare i dannialle rovine e alla città vecchia: dopo che avranno documentato iltutto i lavori potranno iniziare”.
Mgi/Int2

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su