Header Top
Logo
Mercoledì 30 Settembre 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Terrore a Bruxelles: almeno 34 morti (media). L’Isis: siamo stati noi

colonna Sinistra
Martedì 22 marzo 2016 - 13:44

Terrore a Bruxelles: almeno 34 morti (media). L’Isis: siamo stati noi

20 persone uccise nella metropolitana, 14 all'aeroporto
20160322_134419_D396F517

Roma, 22 mar. (askanews) – Almeno 34 persone sono morte negli attentati di oggi a Bruxelles, secondo l’ultimo bilancio diffuso dalla tv pubblica belga VRT. Venti persone sono rimaste uccise nell’esplosione alla stazione della metropolitana di Maelbeek; 14 all’aeroporto di Zaventem. I feriti sono oltre cento. In precedenza le autorità avevano parlato di 26 morti.
Gli attentati sono stati rivendicati dallo Stato Islamico (Isis). Lo riferisce l’Agenzia Amaq, legata al Califfato Nero e considerata organo media dell’organizzazione terroristica. La notizia della rivendicazione sta dilagando sui social media con decine di internauti che ritwittano l’annuncio dato dall’agenzia “semi-ufficiale” dell’Isis. Altri siti jihadisti affermano che gli attacchi rappresentano una vendetta per la cattura, quattro giorni fa, di Salah Abdeslam, il kamikaze mancato e la presunta mente delle stragi di novembre a Parigi.
La polizia belga ha avviato frattanto delle perquisizioni nella regione di Bruxelles, alla ricerca di “persone sospettate di complicità negli attacchi”. E’ quanto riporta l’emittente RTBF, citando fonti giudiziarie. Evacuate anche la centrale nucleare di Tihange, nella provincia di Liegi, e la Libera universitàdi Bruxelles (Ulb), frequentata da circa 20.000 studenti.
Secondo la tv Rtbf è stato sgombrato anche il Palazzo reale nella capitale belga. La Rtbf ha riferito che il re e la regina si sono detti sconvolti per gli attentati e hanno espresso il cordoglio per le vittime, le condoglianze ai familiari e i ringraziamenti ai servizi i soccorso.
Int9

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su