Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Il procuratore egiziano che indaga su Regeni “ha precedenti penali”

colonna Sinistra
Mercoledì 10 febbraio 2016 - 17:27

Il procuratore egiziano che indaga su Regeni “ha precedenti penali”

Su facebook: nel 2003 condannato falsificazione verbale e torture
20160210_172658_FA28B46C

Roma, 10 feb. (askanews) – Il capo dell’ufficio egiziano che conduce gli indagini sulla morte del giovane italiano Giulio, Regeni sarebbe stato in passato condannato a un anno di carcere per aver falsificato un verbale e picchiato fino alla morte un detenuto. A fare questa pesante accusa è Ahmed Ragab, un egiziano che nel suo profilo afferma di avere lavorato per il quotidiano locale al Masry al Youm.
In un messaggio pubblicato sul suo profilo facebook, Ragab scrive che “il capo dell’ufficio che sta indagando sulla morte di Giulio Regeni è stato accusato in passato di falsificazione di un verbale ufficiale e di torture che hanno portato alla morte nel 2000”; reati per i quali sarebbe stato “nel 2003 condannato da una corte penale di Alessandria ad un anno di reclusione con la condizionale”.
L’autore del messaggio Ragab non indica il nome del capo dell’ufficio in questione. A condurre gli indagini sulla misteriosa morte del giocane ricercatore friulano trovato morto alla periferia del Cairo, è il procuratore Ahmed Naji, come riportato dai media locale.
Fth

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su