Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Trump: la tortura dell’acqua? Con me presidente cose ben peggiori

colonna Sinistra
Domenica 7 febbraio 2016 - 12:12

Trump: la tortura dell’acqua? Con me presidente cose ben peggiori

Il miliardario promette di ripristinare il waterboarding
20160207_121201_DB6DDF90

Roma, 7 feb. (askanews) – Altro che waterboarding: se Donald Trump diventasse presidente, gli Usa ricorrerebbero a pratiche di interrogatorio anche più violente. Lo ha promesso lo stesso miliardario che punta alla Casa Bianca, nell’ultimo dibattito repubblicano prima delle primarie di martedì 9 febbraio nel New Hampshire. “Tornerei al water boarding e recupererei un mucchio di cose ben peggiori”, ha detto Trump, mentre i rivali hanno dato risposte poco chiare sulla questione. Alle domande dei giornalisti, che chiedevano di dare esempio del “peggio” prospettato, Trump non ha tuttavia risposto, limitandosi a dire: “un giorno vedrete”.
Il waterboarding è una pratica di interrogatorio, anche detta tortura dell’acqua, che consiste nel mettere l’interrogato con la testa sott’acqua, per fargli credere di stare annegando.E’ emersa in un rapporto della commissione Intelligence del Senato statunitense come una delle tecniche usate dalla Cia per torchiare sospettati di terrorismo dopo gli attacchi alle Torri Gemelle.
Orm
MAZ

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su