mercoledì 18 gennaio | 01:06
pubblicato il 28/apr/2016 11:28

Yen vola a massimi da 18 mesi spinto da immobilismo Banca Giappone

Nonostante tagli su stime crescita e inflazione sotto zero

Yen vola a massimi da 18 mesi spinto da immobilismo Banca Giappone

Roma, 28 apr. (askanews) - Balzo in avanti dello yen e scivolone della Borsa in Giappone, dopo che la Banca centrale si è astenuta dal varare nuovi potenziamenti degli stimoli monetari. E questo a dispetto di una ricaduta sotto zero dell'inflazione e di revisioni al ribasso delle previsioni della stessa istituzione, sia sulla dinamica dei prezzi al consumo, sia sulla crescita economica.

L'immobilismo nippon potrebbe essere legato alla linea mostrata poche ore prima dalla Federal Reserve. La Banca centrale americana che ha fatto una scelta attendista, secondo alcuni osservatori senza che questo precluda un eventuale nuovo rialzo dei tassi a giugno che ridurrebbe le pressioni ad agire della controparte giapponese.

Però l'inazione al momento ha avuto immediate ripercussioni di mercato. Lo yen è schizzato al rialzo, con il dollaro caduto di oltre il 3 per cento fin sotto quota 108 yen, e tornando così sui minimi da un anno e mezzo. Tokyo ha chiuso in ribasso del 3,61 per cento.

Una cospicua quota di analisti si attendeva un intervento di qualche genere. Invece nulla, nonostante la revisione al ribasso delle stime di crescita economica, al più 1,2 per cento sull'anno fiscale 2016-2017, dal precedente più 1,5 per cento, e allo 0,5 per cento sull'inflazione dallo 0,8 per cento precedentemente pronosticato. Peraltro a marzo l'inflazione è ricaduta sotto zero in maniera più netta del previsto, con un meno 0,3 per cento dei prezzi su base annua.

Forse la delusione dei mercati è legata all'assenza di provvedimenti proprio dopo questo valore particolarmente problematico del caro vita. Che si è accompagnato da nuovi segnali di debolezza dai consumi delle famiglie, laddove la produzione dell'industria, con un più 3,6 per cento a marzo ha mostrato un netto rimbalzo dopo un mese particolarmente fiacco.

La partita comunque non è chiusa e la Banca del Giappone ha ribadito di esser pronta a intervenire ove si rendesse necessario. Ma intanto il governatore Haruhiko Kuroda si assume un certo rischio di vedere l'economia riscivolare in deflazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa