sabato 10 dicembre | 12:48
pubblicato il 05/feb/2014 18:13

Yahoo! Da marzo i servizi per l'Italia erogati da Dublino

Le attività trasferite per opportunità commerciali

Yahoo! Da marzo i servizi per l'Italia erogati da Dublino

Milano (askanews) - La notizia era stata preannunciata da tempo, ma con una mail inviata a tutti gli utenti è ora ufficiale: a partire dal 21 marzo 2014 i servizi Yahoo! per l'Italia non saranno più erogati dal nostro paese ma dalla sede di Dublino.Per il colosso dell'informatica l'operazione rientra in una razionalizzazione delle attività, ma non viene esclusa anche una precisa strategia fiscale. Per rispondere a tutte le curiosità degli utenti Yahoo! ha anche creato una pagina con le principali FAQ per spiegare nei dettagli tutta l'operazione.Per gli utenti italiani invece, non cambia di fatto nulla per quanto riguarda la natura dei servizi. Tuttavia per l'erogazione degli stessi il trasferimento dall'Italia all'Irlanda richiede comunque la modifica delle condizioni generali d'utilizzo e delle policy di privacy, sempre figlie comunque della normativa europee in materia.

Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina