lunedì 16 gennaio | 16:07
pubblicato il 07/dic/2013 11:23

Wto: Teti (Mise), esito prova volonta' politica anche di Paesi emergenti

Wto: Teti (Mise), esito prova volonta' politica anche di Paesi emergenti

(ASCA) - Bali, 7 dic - Il successo con cui si e' conclusa l'assemblea ministeriale della Wto a Bali prova ''la maturita' della governance globale e la volonta' politica chiara anche dei Paesi emergenti''. Il direttore generale al Commercio estero del Ministero dello Sviluppo Economico, Amedeo Teti, raggiunto dall'Asca a margine del vertice giudica molto positivamente il suo esito, sottolineando ''il ruolo molto positivo di mediazione svolto dalla Commissione europea, tra i due poli negoziali contrapposti di Usa e India'', ma anche l'opportunita' colta per il nostro Paese ''in alcuni capitoli, come le Facilitazioni al commercio, che permetteranno alle nostre Medie imprese di esportare godendo di procedure standard e di un approccio piu' efficace nella lotta alla corruzione'', ma anche di ''continuare a regolare con misure nazionali il trasporto transfrontaliero su gomma, rispetto al quale l'Italia ha grande attenzione''.

La ministeriale di Bali, ''consente alla Wto di uscire dallo stallo precedente - ha continuato il direttore - e a collocarsi in quella dimensione dinamica che cosi' giova a un commercio in continua trasformazione come quello su scala globale''. Ha, inoltre, ''consentito il riconoscimento di un tema importante come quello della sicurezza alimentare sollevato dall'India, ma anche del protagonismo di tutti i Paesi membri, le cui richieste sono state accolte e sostenute come nel caso dell'eccesione sollevata da Cuba e area dell'Alba''.

A Ginevra i negoziatori avranno un anno per stabilire un programma piu' ampio che riprenda l'ampia Agenda di sviluppo di Doha, ''entro, il 31 luglio ci sara' un'armonizzazione legale del Pacchetto - ha concluso Teti - e poi speriamo di provedere speditamente come previsto''.

Nel frattempo si intensifica anche il lavoro sul livello bilaterale, soprattutto nelle trattative in corso tra Europa e Canada (Ceta), e tra Europa e Usa (Ttip/Tafta), dove l'Italia spera di ottenere risultati concreti in temi come il riconoscimento delle indicazioni geografiche e il contrasto all' ''Italian sounding'' rispetto al quale da molti anni la Wto non riesce a darle risultati tangibili. sis/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow