lunedì 27 febbraio | 08:35
pubblicato il 14/ago/2012 05:11

Wind Jet/ Oggi vertice col Governo, si tenta ricucire strappo

Ma Alitalia chiude: Siamo delusi, costretti a rinunciare

Wind Jet/ Oggi vertice col Governo, si tenta ricucire strappo

Roma, 14 ago. (askanews) - Si svolgerà oggi alle 14.30, al ministero dello Sviluppo economico, l'incontro tra Governo, sindacati di categoria, i vertici dell'Enac e il management di Wind Jet e Alitalia "nell'estremo tentativo", riferiscono fonti dell'esecutivo, di dare avvio al confronto con l'obiettivo di riaprire e individuare la conclusione positiva della vertenza che riguarda la compagnia aerea siciliana. Al tavolo si tenterà di ricucire lo strappo tra Alitalia e Wind Jet, nonostante la posizione netta contro ogni ipotesi di continuare la trattativa manifestata dalla società guidata da Roberto Colaninno e Andrea Ragnetti. Il Governo segue la vicenda in modo costante per tutelare in primo luogo i 300mila viaggiatori coinvolti fino a ottobre e i circa 800 lavoratori toccati, direttamente o indirettamente, dalla crisi della compagnia siciliana. Dopo lo stop ai voli di Wind Jet continua a regnare il caos negli aeroporti. La protesta dei passeggeri rimasti a terra non si placa, mentre le associazioni dei consumatori annunciano ricorsi sull'applicazione delle tariffe per la riprotezione dei voli. Il piano prevede scali aerei aperti di notte e aerei messi a disposizione da Alitalia e da altre compagnie (Blue Panorama, Neos, Livingston e Meridiana). Protegge i passeggeri nell'immediato, ma per quanti hanno acquistato biglietti fino a ottobre dal tavolo di oggi si attendono risposte più chiare. "La vicenda Windjet ci ha delusi e amareggiati - ha scritto l'ad di Alitalia, Andrea Ragnetti, in una lettera inviata ai dipendenti della compagnia aerea - dopo mesi di duro lavoro, avremmo voluto chiudere la trattativa, accogliere Windjet nel gruppo Alitalia e così facendo assicurare la sopravvivenza di una linea area siciliana. Purtroppo, i comportamenti di Windjet ci hanno costretto a rinunciare a un accordo per il quale ci eravamo impegnati a fondo. Se non lo avessimo fatto, avremmo esposto la nostra compagnia a un rischio finanziario intollerabile per una azienda che attraversa un momento così duro come Alitalia". Il presidente dell'Enac, Vito Riggio, ha invece lanciato un allarme sull'intero sistema dell'aviazione italiana. "Qui non è solo questione di Wind Jet o di Alitalia - ha sottolineato - l'intero sistema è a rischio scomparsa, stretto dalla pressione competitiva che viene dalle compagnie low cost irlandesi e inglesi e dalle compagnie dei paesi arabi, che non pagano il petrolio. In mezzo ci sono le compagnie italiane ed europee, chi più chi meno in grande difficoltà". Intanto le associazioni dei consumatori affilano le armi. Il Codacons ha sollecitato la Procura a indagare per ipotesi di truffa nei confronti dei passeggeri e chiesto al Governo di emanare subito un decreto per eliminare dal costo del biglietto il 30% di tasse. Non è da escludere che, su richiesta del sindacato, oggi si possa anche fare il punto con il Governo sulla situazione del trasporto aereo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech