mercoledì 18 gennaio | 05:50
pubblicato il 27/apr/2015 17:27

Whirlpool, avviato confronto al Mise, prossima tappa mercoledì

Azienda disposta a trattatare anche su stabilimento di Caserta

Whirlpool, avviato confronto al Mise, prossima tappa mercoledì

Roma, 27 apr. (askanews) - Un confronto senza pregiudiziali sul piano industriale Whirlpool, incluso lo stabilimento di Carinaro a Caserta, che prenderà il via mercoledì prossimo e proseguirà il 5 e 8 maggio. E' questo il principale risultato dell'incontro di oggi al ministero dello Sviluppo economico, tra il titolare del dicastero, Federica Guidi, il sottosegretario al ministero del Lavoro, Teresa Bellanova, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, l'amministratore delegato di Whirlpool Italia, Davide Castiglioni e i rappresentanti dei sindacati di categoria, Fim, Fiom, Uilm e Ugl Metalmeccanici.

Un incontro iniziato intorno alle 11 e accompagnato dalla protesta dei lavoratori arrivati da Caserta, circa 800, che per tutta la durata dei colloqui hanno intonato slogan contro la chiusura dello stabilimento Indesit di Carinaro e a favore del potere operaio. Azienda e sindacati si sono seduti al tavolo fermi sulle proprie posizioni: la prima confermando il piano industriale che prevede, tra le altre cose, la chiusura dello stabilimento casertano, i secondi ribadendo che la pregiudiziale per proseguire la trattativa è proprio quella di togliere dal tavolo quella chiusura.

Nel suo intervento d'apertura il ministro Guidi ha subito chiarito che "il piano deve essere solo un punto di partenza e quindi rivedibile" e ha chiesto all'azienda "di non considerarlo esecutivo". In tal senso il ministro ha invitato le parti a iniziare la trattativa "senza pregiudiziali".

Positiva la risposta Whirlpool che per bocca dell'Ad Castiglioni, pur confermando il piano ritenendolo "il miglior piano possibile per garantire la continuità e la sostenibilità dell'industria del bianco in Italia", ha ribadito la disponibilità "a confrontarsi su tutti gli elementi del piano, compreso lo stabilimento di Carinaro".

Sindacati fermi sulla necessità di togliere dal tavolo la chiusura dello stabilimento casertano ma pronti al confronto serrato. "Come Uilm - ha tenuto a precisare il segretario generale, Rocco Palombella - abbiamo accolto l'invito del ministro ad intraprendere un confronto senza pregiudiziali in sede ministeriale, ma abbiamo ribadito che non siamo e non saremo disponibili per nessun motivo a fare accordi che prevedano chiusure e licenziamenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa