martedì 28 febbraio | 17:52
pubblicato il 06/apr/2016 11:15

WhatsApp, rivoluzione a sorpresa dopo il caso Apple: chat criptate

Intercettare impossibile per cybecriminali e "regimi oppressivi"

WhatsApp, rivoluzione a sopresa dopo il caso Apple: chat criptate

Roma, 6 apr. (askanews) - Rivoluzione a sorpresa su WhatsApp: d'ora in avanti tutte le chat, e perfino le telefonate effettuate tramite il sistema di messaggeria istantanea vengono automaticamente codificate, in modo da risultare illeggibili in eventuali intercettazioni. Da questa notte infatti, il miliardo di utenti della piattaforma controllata dal social network Facebook vedono comparire nella prima chat che capita loro di aprire una comunicazione che annuncia la novità.

"I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end".

Nel blog ufficiale, i cofondatori e top manager di WhatsApp Brian Acton e Jan Couton spiegano che l'iniziativa è volta a rassicurare da eventuali intrusioni da parte di criminali. "L'idea è semplice - scrivono - quando si invia un messaggio, l'unica persona che possa leggerlo è quella della chat o il gruppo di persone a cui è stato spedito. Nessun cybercriminale. Nessun hacker. Nessun regime oppressivo. Nemmeno noi stessi. La crittografia ent-to-end rende la comunicazione via WhatsApp simile ad un faccia a faccia".

In realtà, la tempistica dell'iniziativa sembra più volta a rassicurare gli utenti dalle eventuali intrusioni e intercettazioni da parte delle autorità, visto la vicinanza dello scontro tra l'Fbi americana e Apple sulla decifrazione dei dati presenti su un iPhone appartenuto ad un terrorista. Vicenda ad elevato impatto mediatico che ha sollevato una ondata di interrogativi e allarmismi sulla privacy.

Couton, l'amministratore delegato, afferma di fare della privacy "una questione personale". "Sono cresciuto nell'Unione Sovietica, durante il regime comunista e il fatto che la gente non potesse comunicare liberamente è uno dei motivi che ha spinto la mia famiglia a emigrare negli Usa".

Ad ogni modo, i due programmatori imprenditori evitano di assumere una posizione di scontro frontale, quando precisano di "riconoscere il lavoro importante delle forze dell'ordine nel tenere le persone al sicuro". Tuttavia, aggiungono "le spinte per indebolire la codifica rischiano di esporre le informazioni delle persone ad abusi da parte di cybercriminali, hacker e Stati canaglia".

Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Welfare
Inps: al via nuovo piano assistenza per 30mila non autosufficienti
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech