sabato 10 dicembre | 20:01
pubblicato il 26/giu/2013 10:34

Welfare: Censis, solo 49% imprese adotta forme flessibili orari lavoro

(ASCA) - Roma, 26 giu - Solo il 49% delle nostre imprese adotta forme flessibili degli orari di lavoro, a fronte del 51% in Francia, il 55% in Spagna, il 58% in Germania, il 70% in Danimarca e Regno Unito, l'83% in Finlandia. Solo Portogallo (48%) e Grecia (34%) mostrano valori piu' bassi di quelli italiani. E' quanto emerge da un'analisi realizzata nell'ambito del progetto ''Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali'' di Censis e Unipol Gruppo Finanziario. Ma la flessibilita' dell'orario di lavoro, per favorire la conciliazione con i tempi della famiglia, e' la prima delle misure adottate da molte imprese all'avanguardia nel campo del welfare aziendale, spesso accompagnate da altri aiuti offerti ai lavoratori, come i servizi di babysitteraggio per i figli piccoli, fino agli asili nido aziendali. In Italia il 59% dei lavoratori deve rispettare un orario stabilito rigidamente dalla propria azienda, percentuale piu' alta che in Germania (55%), ma soprattutto rispetto a Finlandia (45%), Olanda e Svezia (40%). Anche le imprese italiane che permettono di utilizzare le ore di straordinario accumulate per usufruire di giorni di ferie sono solo il 15%, a fronte del 28% di quelle francesi e britanniche, del 43% delle tedesche, del 53% delle danesi, del 66% delle finlandesi. In Italia i lavoratori part-time sono 3,5 milioni, pari al 17% del totale. Nel nostro Paese anche la diffusione del part-time e' inferiore alla media europea (20%) e lontana dalle percentuali di Germania (26,7%), Gran Bretagna (27,2%), Svizzera (35,9%), Olanda (49,8%). Le donne italiane in part-time sono il 31,1% delle lavoratrici rispetto a una media europea del 32,6% e percentuali che arrivano al 43,3% in Gran Bretagna, 45,6% in Germania, 60,9% in Svizzera, 77% in Olanda. Anche il telelavoro e' scarsamente diffuso: riguarda il 3% degli occupati italiani maschi e il 5% delle donne, valori tra i piu' bassi in Europa. Considerando i lavoratori maschi, soltanto la Turchia presenta una percentuale inferiore a quella dell'Italia (2,3%). I valori sono superiori in Germania (7,4%), Spagna (8,4%), Francia (9,9%) e Gran Bretagna (11,8%). E il nostro Paese rimane agli ultimi posti anche per quanto riguarda la diffusione del telelavoro tra le donne, lontano da Francia (7,3%), Germania (7,6%), Svezia (8,2%), Spagna (9,5%) e Olanda (9,7%). Censis e Unipol mettono in evidenza che gli strumenti di welfare aziendale possono aiutare molte famiglie, migliorare la qualita' della vita di lavoratori e lavoratrici, contribuire a maggiori livelli di occupazione. Le esperienze finora condotte in Italia e all'estero dimostrano che piu' welfare aziendale significa maggiore motivazione dei lavoratori, migliore qualita' della vita, una piu' buona copertura sanitaria e previdenziale, in una prospettiva di modernizzazione dell'organizzazione del lavoro. Il welfare aziendale assume ormai molteplici forme: dagli strumenti di conciliazione lavoro-famiglia alle forme di sostegno per le lavoratrici in maternita', dall'assicurazione medica integrativa finanziata dall'azienda ai molti servizi time-saving per una migliore qualita' della vita dei lavoratori. Dalla Tetra Pak di Modena all'Unipol, a Elica di Fabriano, dalla Sas a Milano fino a strutture piu' piccole ma molto dinamiche come Zeta Service sempre nel capoluogo lombardo - analizzate da Censis e Unipol - un concetto emerge con chiarezza: migliori condizioni di lavoro e un supporto diretto alle famiglie fanno crescere la produttivita' aziendale e potrebbero accrescere i livelli occupazionali, soprattutto sul fronte femminile. Particolarmente apprezzata dai lavoratori, secondo le esperienze analizzate nello studio, e' proprio la vasta gamma di servizi e aiuti che nell'ambito del welfare aziendale permettono l'accudimento dei figli o di un'altra persona che necessita di cure. Il Censis stima in piu' di 5 milioni le famiglie in cui e' presente un adulto o un bambino in eta' prescolare o scolare da accudire. Per quasi 450.000 famiglie uno dei componenti, quasi sempre una donna, ha pero' dovuto ridurre il proprio orario di lavoro per prendersi cura dei figli e 350.000 persone hanno rinunciato, per lo stesso motivo, a cercare lavoro. La sfida oggi e' quella di potenziare gli incentivi pubblici che spingano le aziende ad adottare pratiche innovative nel campo del welfare dei lavoratori, allargando i confini del welfare aziendale dall'attuale numero limitato di imprese di medio-grandi dimensioni al vasto tessuto della piccola impresa.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina