sabato 03 dicembre | 23:29
pubblicato il 16/dic/2015 14:23

Welfare, Brambilla: il futuro è della previdenza complementare

Serve un semestre di silenzio-assenso per incentivare

Welfare, Brambilla: il futuro è della previdenza complementare

Roma, (askanews) - "In generale le prospettive del sistema previdenziale complementare sono buone, da quando ho scritto la legge nel 2005, nel 2007 c'è stata la prima opportunità di conoscenza da parte del grande pubblico con i famosi sei mesi di silenzio-assenso. Questo ha prodotto un raddoppio delle iscrizioni, quindi significa che non sono tanto i fattori economici, quanto i fattori della conoscenza soprattutto a livello di copertura che può fornire il sistema pubblico a incentivare la gran parte dei lavoratori. Sarebbe buono se si riuscisse a fare un ulteriore semestre di conoscenza per fare in modo che la gente conosca, non in modo allarmistico come successo recentemente, quale sarà la propria pensione. Il futuro è della previdenza complementare, la nostra ipotesi era almeno 65% di copertura del sistema pubblico e circa un 20 del sistema privato". Lo ha detto Alberto Brambilla, fondatore e presidente del Comitato Tecnico Scientifico, Itinerari Previdenziali, intervenuto a margine del convegno "Welfare Italia - Laboratorio per le nuove politiche sociali", promosso a Roma da Unipol e Censis.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari