sabato 03 dicembre | 15:13
pubblicato il 16/set/2016 09:25

Welfare aziendale, Sobrero: vantaggio per impresa e territorio

Al Salone della Csr confronto sulle anime del nuovo strumento

Welfare aziendale, Sobrero: vantaggio per impresa e territorio

Milano (askanews) - Strumento indispensabile per rafforzare la sostenibilità del proprio business: è una delle chiavi di lettura del welfare aziendale, componente complementare al sistema di protezione sociale sempre più diffusa anche nel nostro Paese. L'assunzione di responsabilità verso gli stakeholder e il contesto sociale in cui le imprese operano sono infatti i pilastri delle strategie di rafforzamento della reputazione e dello sviluppo dell'attività economica.

Rossella Sobrero, presidente di Koinètica: "Penso che le aziende più innovative hanno capito che la cosa importante è mettersi in rete con soggetti diversi. Ma anche creare dei pacchetti di welfare gestiti con cooperative sociali o associazioni del territorio, in modo che si abbia un doppio beneficio: le aziende mettono a disposizione servizi per i propri lavoratori e dall'altra si rafforza la presenza e l'attività delle organizzazioni che hanno un ruolo forte per la comunità locale".

Ma un'altra chiave di lettura del welfare aziendale, che non esclude, bensì si integra con il primo, è quello che si focalizza sui benefici immediati di azienda e lavoratori. "Per l'impresa i vantaggi possono essere diversi - prosegue Sobrero - uno è quello di fornire ai dipendenti qualcosa di utile che integra la retribuzione, dall'altro si mette in rete con servizi magari forniti da strutture del Terzo Settore e quindi rafforza il legame con il territorio. Naturalmente un dipendente contento è anche un dipendente più affezionato all'azienda. Quindi diminuisce il turn over, diminuiscono le assenze per malattia o permessi e quindi un vantaggio forte per l'azienda".

Di welfare aziendale e delle sue diverse articolazioni si parlerà anche al Salone della Csr, ovvero della Responsabilità Sociale d'Impresa, in programma a Milano, in Bocconi dal 4 al 5 ottobre. Le 140 aziende partecipanti, racconteranno la propria esperienza sulla sostenibilità e si confronteranno con esperti, studiosi, e uomini di impresa in oltre 60 eventi. Sarà un importante momento di networking da un lato e di approfondimento dall'altro, anche critico. Anche riguardo il nuovo modello di welfare i cui benefici sembrano essere trasferiti dal cittadino al dipendente.

"Quello che lo Stato poteva dare a tutti i cittadini, adesso è più vincolato o alla tua appartenenza ad una impresa oppure nelle situazioni migliori, dove ci sono progetti di welfare territoriale, alla tua presenza su quella determinata area territoriale - conclude Sobrero - D'altra parte però è una risposta ad un arretramento del welfare state. Per cui il problema è non dare nulla o cercare soluzioni alternative?".

Il Salone della CSR e dell'innovazione sociale è promosso da Università Bocconi, Unioncamere, CSR Manager Network, Alleanza delle Cooperative Italiane, Fondazione Sodalitas, e da Koinètica.

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari