martedì 24 gennaio | 16:28
pubblicato il 17/mag/2016 07:46

Weidmann: bene riforme ma Italia non è certo un modello su conti

Presidente Bundesbank: "deficit non è la via giusta per crescere"

Weidmann: bene riforme ma Italia non è certo un modello su conti

Roma, 17 mag. (askanews) - Il governo italiano "ha avviato molte importanti riforme" e "concordo perfettamente con Pier Carlo Padoan" quando dice che la crescita è essenziale ma "sono scettico verso chi pensa che il problema del debito si possa affrontare facendo altri debiti, o che il deficit sia la via giusta per favorire la crescita". Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann in un'intervista a Repubblica ribadisce la sua posizione critica sulla flessibilità di bilancio sottolineando che sui conti pubblici "l'Italia non è certo un modello".

"Ovviamente la crescita è essenziale: su questo concordo perfettamente con Pier Carlo Padoan - dice - Peraltro il governo di cui fa parte ha avviato molte importanti riforme per stimolarla, penso a quella del mercato del lavoro o alla riforma istituzionale".

"Però - prosegue Weidmann - sono scettico verso chi pensa che il problema del debito si possa affrontare facendo altri debiti, o che il deficit sia la via giusta per favorire la crescita. A mio parere non c'è contrasto tra crescita e solidità dei bilanci. E sui conti pubblici, l'Italia non è certo un modello".

Il Presidente della Bundesbank risponde anche al premier Matteo Renzi che lo aveva invitato ad occuparsi del sistema bancario tedesco: "Quindi Ignazio Visco può discutere soltanto sull'Italia, e io solo sulla Germania? Alla Bce ci occupiamo della politica monetaria di tutta l'eurozona. Ultimamente notiamo un indebolimento della spinta riformista e della disciplina di bilancio. Alcuni Paesi, oppressi in passato da oneri ingenti sul debito, non hanno saputo approfittare in misura sufficiente degli enormi risparmi di cui hanno fruito grazie ai tassi bassi".

Weidmann spiega anche la sua critica agli attacchi del ministro delle finanze tedesco Wolfgang Shauble alla politica della Bce: "Non si trattava di prendere le difese di Mario Draghi, ma di sottolineare l'autonomia della Bce. Ho esposto la mia opinione basandomi su un'analisi economica. Quanto ho detto, peraltro, è perfettamente in linea con quanto ho dichiarato in precedenza. Ovviamente è legittimo discutere di politica monetaria. Ma non bisogna mai mettere in discussione l'indipendenza delle banche centrali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4