sabato 03 dicembre | 05:58
pubblicato il 02/ott/2015 16:14

Wall Street soffre: occupazione Usa delude, dubbi su mosse Fed

Il timore è che anche gli Stati Uniti possano rallentare

Wall Street soffre: occupazione Usa delude, dubbi su mosse Fed

New York, 2 ott. (askanews) - L'azionario soffre, il dollaro è in calo contro euro e yen, il petrolio scivola, l'oro corre e il rendimento del Treasury a 10 anni scende sotto il 2% per la prima volta dal 24 agosto. E' questa la fotografia delle varie asset class dopo il deludente rapporto sull'occupazione di settembre.

Il tasso di disoccupazione è rimasto al 5,1% come previsto ma il numero di posti di lavoro creati si è fermato a 142.000 contro attese per 200.000. Come se non bastasse, il dato di agosto è stato rivisto a 136.000 da 173.000 e quello a luglio a 223.000 da 245.000.

Se in passato un rapporto deludente avrebbe fatto scattare un rally dell'azionario, alimentando le attese per una Federal Reserve accomodante, quasta volta la reazione è opposta. La differenza è dovuta alle preoccupazioni per l'andamento dell'economia globale. Il timore è che dopo la Cina anche gli Usa possano rallentare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari