sabato 10 dicembre | 21:38
pubblicato il 20/giu/2016 13:18

Volkswagen, mercoledì assemblea azionisti, ribolle contestazione

Silenzi e bonus manager nel mirino. Ma la maggioranza è blindata

Volkswagen, mercoledì assemblea azionisti, ribolle contestazione

Roma, 20 giu. (askanews) - Promettono battaglia e contestazione dura, i piccoli azionisti del gruppo Volkswagen in vista dell'assemblea generale che si terrà mercoledì ad Hannover. I manager presenteranno all'approvazione il piano di sviluppo appena elaborato, che in buona misura vuole puntare sull'elettrico per ricostruire la reputazione della casa madre e dei 12 marchi controllati, a nove mesi dall'esplosione dello scandalo Diselgate.

Bisogna far dimenticare ai consumatori la vicenda che ha visto 11 milioni di veicoli equipaggiati con meccanismi che alteravano i valori delle emissioni di gas di scarico, per figurare meglio ai test di omologazione.

Ma agli occhi dei piccoli azionisti, questi stessi manager si presenteranno senza essersi adeguatamente "spogliati" di pratiche ritenute inaccettabili in una fase come quella attuale, in particolare di supersalari e bonus. Non c'è stato il colpo di scure che molti invocavano, peraltro non solo tra gli azionisti ma anche nell'opinione pubblica.

Ma ovviamente le contestazioni vanno ben oltre la questione delle paghe ai vertici. "Si discuterà poco di performance congiunturali e molto dello scandalo sui propulsori e sugli emolumenti", ha avvertito Ulrich Hocker, capo dell'associazione di piccoli azionisti Dsw. Ha partecipato alle assemblee degli ultimi 20 anni e prevede che questa "sarà molto diversa, sarà molto contestata".

Gli azionisti di minoranza tuttavia controllano solo un 11 per cento di capitale, laddove la maggioranza, il 52 per cento, è saldamente nelle mani delle famiglie Porsche e Piech, con un altro 20 per cento controllato dal Lander della Bassa Sassonia e un 17 per cento dell'emirato del Qatar.

In una seduta di rally delle Borse europee, legato all'affievolrsi dei timori di Brexit, il titolo Vw guadagna oltre il 5 per cento a 124,75 euro. Un livello decisamente migliorato rispetto agli 86 euro toccati lo scorso ottobre, ma comunque molto lontano dagli oltre 170 euro cui si attestava a settembre, prima che deflagrasse la crisi (e in primavera le azioni Vw avevano superato i 240 euro).

Visti i numeri, l'appoggio degli azionisti al management non è in discussione. Semmai, invece di assistere ad una lunga carrellata di piccoli investitori che si prenotano per dire la loro, si potrebbe verificare una riunione in cui le associazioni degli azionisti di minoranza opereranno una strategia di contestazione più organizzata. Martellando soprattutto sull'accusa ai dirigenti di aver ritardato a informare gli azionisti sulla gravità della questione. E ovviamente contestando i bonus.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina