sabato 21 gennaio | 14:51
pubblicato il 20/giu/2016 13:18

Volkswagen, mercoledì assemblea azionisti, ribolle contestazione

Silenzi e bonus manager nel mirino. Ma la maggioranza è blindata

Volkswagen, mercoledì assemblea azionisti, ribolle contestazione

Roma, 20 giu. (askanews) - Promettono battaglia e contestazione dura, i piccoli azionisti del gruppo Volkswagen in vista dell'assemblea generale che si terrà mercoledì ad Hannover. I manager presenteranno all'approvazione il piano di sviluppo appena elaborato, che in buona misura vuole puntare sull'elettrico per ricostruire la reputazione della casa madre e dei 12 marchi controllati, a nove mesi dall'esplosione dello scandalo Diselgate.

Bisogna far dimenticare ai consumatori la vicenda che ha visto 11 milioni di veicoli equipaggiati con meccanismi che alteravano i valori delle emissioni di gas di scarico, per figurare meglio ai test di omologazione.

Ma agli occhi dei piccoli azionisti, questi stessi manager si presenteranno senza essersi adeguatamente "spogliati" di pratiche ritenute inaccettabili in una fase come quella attuale, in particolare di supersalari e bonus. Non c'è stato il colpo di scure che molti invocavano, peraltro non solo tra gli azionisti ma anche nell'opinione pubblica.

Ma ovviamente le contestazioni vanno ben oltre la questione delle paghe ai vertici. "Si discuterà poco di performance congiunturali e molto dello scandalo sui propulsori e sugli emolumenti", ha avvertito Ulrich Hocker, capo dell'associazione di piccoli azionisti Dsw. Ha partecipato alle assemblee degli ultimi 20 anni e prevede che questa "sarà molto diversa, sarà molto contestata".

Gli azionisti di minoranza tuttavia controllano solo un 11 per cento di capitale, laddove la maggioranza, il 52 per cento, è saldamente nelle mani delle famiglie Porsche e Piech, con un altro 20 per cento controllato dal Lander della Bassa Sassonia e un 17 per cento dell'emirato del Qatar.

In una seduta di rally delle Borse europee, legato all'affievolrsi dei timori di Brexit, il titolo Vw guadagna oltre il 5 per cento a 124,75 euro. Un livello decisamente migliorato rispetto agli 86 euro toccati lo scorso ottobre, ma comunque molto lontano dagli oltre 170 euro cui si attestava a settembre, prima che deflagrasse la crisi (e in primavera le azioni Vw avevano superato i 240 euro).

Visti i numeri, l'appoggio degli azionisti al management non è in discussione. Semmai, invece di assistere ad una lunga carrellata di piccoli investitori che si prenotano per dire la loro, si potrebbe verificare una riunione in cui le associazioni degli azionisti di minoranza opereranno una strategia di contestazione più organizzata. Martellando soprattutto sull'accusa ai dirigenti di aver ritardato a informare gli azionisti sulla gravità della questione. E ovviamente contestando i bonus.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Bankitalia
Bankitalia: disoccupazione resta elevata, calo solo graduale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4