mercoledì 22 febbraio | 00:43
pubblicato il 30/mag/2014 12:00

Visco: scandali bancari, comportamenti inaccettabili

"Nelle ispezioni emerse irregolarità di rilievo penale"

Visco: scandali bancari, comportamenti inaccettabili

Roma, 30 mag. (askanews) - Sono "inaccettabili" i comportamenti di rilievo penale emersi in tante ispezioni fatte dalla Banca d'Italia negli istituti di credito. Lo ha sottolineato il governatore Ignazio Visco nell'intervento all'assemblea annuale di Via Nazionale. "Si tratta di comportamenti inaccettabili", ha sottolineato Visco. "Nell'ultimo biennio - ha detto il governatore nelle Considerazioni finali - sono state condotte 340 verifiche ispettive su banche a cui fa capo l'80% del totale dei fondi intermediati. In 63 casi abbiamo rilevato gravi carenze nei profili di governance". "In 45 di questi - ha aggiunto Visco - sono emerse irregolarità di possibile rilievo penale che sono state tempestivamente portate a conoscenza dell'autorità giudiziaria. Nella debita distinzione di funzioni e strumenti, la collaborazione con la magistratura è intensa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia