sabato 21 gennaio | 15:06
pubblicato il 30/ott/2013 11:59

Visco: non fondate forti necessita' ricapitalizzazione banche italiane

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''Le opinioni secondo cui il sistema bancario italiano avrebbe oggi forti necessita' di ricapitalizzazione non sono fondate. Recentemente il Fondo monetario internazionale ha pubblicato i risultati del suo periodico programma di valutazione del settore finanziario italiano (Financial Sector Assessment Program, FSAP)''. Cosi' il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco nel suo intervento alla Giornata del Risparmio. ''Ho gia' avuto modo di rilevare - ha detto - che gli stress tests condotti dal Fondo, come gli esercizi analoghi condotti in Banca d'Italia, mostrano che il sistema e' in grado di far fronte non solo alla debole evoluzione del quadro macroeconomico ipotizzata nello scenario di base, ma anche a uno scenario meno favorevole, caratterizzato da una crescita del prodotto cumulativamente inferiore di oltre quattro punti percentuali nel triennio 2013-15. Il capitale addizionale di cui, in questo caso, alcuni intermediari dovrebbero dotarsi per rispettare i minimi regolamentari sarebbe contenuto; a seconda delle definizioni utilizzate, il fabbisogno si collocherebbe, in totale, tra i 6 e i 14 miliardi. Si tratta - e' bene sottolinearlo - di esigenze di capitale ipotetiche, che si determinerebbero in uno scenario poco probabile.

I risultati dello FSAP sono coerenti con le analisi che lo stesso Fondo ha condotto a livello aggregato nel recente Global Financial Stability Report, secondo le quali le perdite sui prestiti alle imprese che il sistema bancario italiano registrerebbe nel biennio 2014-15 in uno scenario macroeconomico avverso sarebbero pari a 125 miliardi. Tenuto conto delle svalutazioni gia' operate dalle banche, questo ammontare si riduce a 53 miliardi, valore inferiore ai profitti lordi che le banche registrerebbero nello stesso biennio. Le perdite, quindi, non intaccherebbero il patrimonio complessivo del sistema. A proteggere le banche italiane hanno contribuito innanzitutto modelli operativi rimasti ancorati alla tradizionale attivita' di intermediazione''.

ram/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Bankitalia
Bankitalia: disoccupazione resta elevata, calo solo graduale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4