lunedì 20 febbraio | 10:26
pubblicato il 10/lug/2014 15:59

Visco: "La ripresa stenta, si attenua la stretta al credito"

Alcuni banchieri scorretti, ora recuperare fiducia

Visco: "La ripresa stenta, si attenua la stretta al credito"

Roma, (askanews) - In Italia "la ripresa stenta ad affermarsi" ma si sta allentando la stretta creditizia. Lo ha detto il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, all'assemblea annuale dell'Abi. Le indagini sulle imprese, ha affermato Visco, "mostrano un allentamento delle tensioni all'offerta di prestiti: difficoltà emergono ancora tra le aziende di minore dimensione e con bilanci fragili, in relazione soprattutto all'elevato indebitamento"."Rimane debole - ha aggiunto - anche la domanda di credito, soprattutto quella connessa con il finanziamento di nuovi investimenti".Per quanto riguarda invece le nuove misure della Bce, queste avranno, secondo Visco, un impatto positivo sull'economia italiana, con una crescita fino al +1% entro il 2016.I vertici di alcune banche ha poi ammonito Visco hanno agito in maniera inadeguata e scorretta e ora il sistema finanziario deve recuperare la fiducia del pubblico. "La crisi - ha detto - ha fatto emergere comportamenti inadeguati, imprudenti, talora scorretti da parte degli amministratori. Il sistema finanziario deve riguadagnare la fiducia del pubblico".

Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia