lunedì 23 gennaio | 08:14
pubblicato il 07/nov/2014 15:50

Visco: la criminalità frena gli investimenti esteri

Tra 2006 e 2012 flussi in Italia sarebbero stati superiori del 15%

Visco: la criminalità frena gli investimenti esteri

Milano, 7 nov. (askanews) - La criminalità "ha un effetto negativo sugli investimenti in generale e quelli diretti dall'estero in particolare". Lo ha sottolineato il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, nel corso del suo intervento al convegno sul contrasto all'economia criminale.

"Utilizzando l'indicatore Doing Business, che fornisce una sintesi della qualità dell'ambiente istituzionale, e considerando il grado di penetrazione criminale nel territorio - ha spiegato - è stato stimato che, a parità di altre condizioni, se le istituzioni italiane fossero state qualitativamente simili a quelle dell'area dell'euro, tra il 2006 e il 2012 i flussi di investimento esteri in Italia sarebbero risultati superiori del 15% - quasi 16 miliardi di euro - agli investimenti diretti effettivamente attratti nel periodo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4