lunedì 16 gennaio | 13:55
pubblicato il 16/gen/2014 12:00

Visco: attenti a rischi deflattivi, inflazione non cura debito

"Obiettivo è crescita equilibrata con conti pubblici in ordine"

Visco: attenti a rischi deflattivi, inflazione non cura debito

Roma, 16 gen. (askanews) - E' necessario vigilare sui rischi di deflazione, con la consapevolezza che un alto debito pubblico non può essere reso sostenibile con una ripresa dell'inflazione. Lo ha affermato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, secondo cui, "in un contesto di capitali mobili e piena apertura dei mercati, se occorre guardare ai rischi deflattivi, cosa su cui siamo ben impegnati, non è certo con un ritorno all'inflazione che si può rendere sostenibile l'elevato livello del debito pubblico". "La sfida da affrontare e vincere - ha aggiunto Visco in un convegno in omaggio all'economista Luigi Spaventa - non può che consistere nel rendere possibile, liberando l'economia da molti vincoli e non contrastando l'innovazione e il cambiamento, il ritorno a una crescita equilibrata in un contesto di gestione dei conti pubblici attenta e prudente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%