venerdì 02 dicembre | 21:17
pubblicato il 16/gen/2014 12:00

Visco: attenti a rischi deflattivi, inflazione non cura debito

"Obiettivo è crescita equilibrata con conti pubblici in ordine"

Visco: attenti a rischi deflattivi, inflazione non cura debito

Roma, 16 gen. (askanews) - E' necessario vigilare sui rischi di deflazione, con la consapevolezza che un alto debito pubblico non può essere reso sostenibile con una ripresa dell'inflazione. Lo ha affermato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, secondo cui, "in un contesto di capitali mobili e piena apertura dei mercati, se occorre guardare ai rischi deflattivi, cosa su cui siamo ben impegnati, non è certo con un ritorno all'inflazione che si può rendere sostenibile l'elevato livello del debito pubblico". "La sfida da affrontare e vincere - ha aggiunto Visco in un convegno in omaggio all'economista Luigi Spaventa - non può che consistere nel rendere possibile, liberando l'economia da molti vincoli e non contrastando l'innovazione e il cambiamento, il ritorno a una crescita equilibrata in un contesto di gestione dei conti pubblici attenta e prudente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari