lunedì 27 febbraio | 19:42
pubblicato il 15/set/2014 17:23

Violante: riduzioni CO2 e rinnovabili traguardo nazionale

Presidente italiadecide: rete europea per governare innovazione (ASCA) - Roma, 15 set 2014 - "Il nuovo Presidente della Commissione Europea Juncker ha proposto di riorganizzare la politica energetica dell'Ue per costituire una "robusta unione energetica europea con una lungimirante politica di lotta ai cambi climatici". Noi di italiadecide, da alcuni anni, con le nostre iniziative, ci siamo posti l'obbiettivo di governare l'innovazione energetica, in modo che essa divenga strumento strategico per sostenere il ciclo economico". Lo ha affermato il presidente di italiadecide, Luciano Violante, aprendo il seminario "Verso l'Unione energetica europea: il ruolo della ricerca comunitaria e nazionale" Partendo dal Rapporto italiadecide 2012 dedicato a "Il governo dell'energia per lo sviluppo del Paese" , ha ricordato Violante, si e' aperto presso l'associazione un tavolo di lavoro che quest'anno ha affrontato un aspetto cruciale della proposta della Commissione Europea per una politica clima-energia al 2030.

Ovvero la conversione degli obiettivi europei (di riduzione delle emissioni di CO2 e/o di quota di fonti rinnovabili) in obiettivi nazionali, con modalita' che non compromettano la competitivita' economica, ma anzi la promuovano.

"Il workshop di oggi - ha aggiunto - e' l'occasione per discutere di quest'ultimo aspetto con alcuni studiosi europei impegnati in prestigiosi centri di ricerca e i principali stakeholder nazionali. Il percorso verso gli obiettivi al 2030, pensiamo, sara' sostenibile, soltanto se l'applicazione sara' flessibile e gli obiettivi saranno parametrati al reale sviluppo di tecnologie, sistemi, servizi, strumenti regolatori, capacita' innovative, in grado di abilitare quegli stessi obiettivi in ciascun Paese".

In questo quadro la rete Esep (European Science for Energy Policy) - ha concluso - costituisce il candidato naturale a svolgere questo ruolo perche' e' capace di integrare le competenze del Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea con quella dei Centri di eccellenza dei Paesi membri.

Pol/Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech