martedì 21 febbraio | 22:42
pubblicato il 22/giu/2013 15:52

Vino: Coldiretti, export record per spumante italiano, +20% in 1* trim

Vino: Coldiretti, export record per spumante italiano, +20% in 1* trim

(ASCA) - Roma, 22 giu - La crisi spinge al record lo spumante italiano all'estero, dove cresce del 20 per cento e toglie spazio al piu' costoso champagne francese. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti relativa al commercio estero nel primo trimestre del 2013 sulla base dei dati Istat. Lo spumante italiano si classifica quindi - sottolinea la Coldiretti - come il prodotto Made in Italy ''anticrisi'' per eccellenza con il fatturato che nel 2013 potrebbe raggiungere il massimo storico. Ad aumentare e' infatti anche il valore delle vendite sul mercato nazionale con gli acquisti delle famiglie italiane che sono cresciuti oltre il 10 per cento nel primo trimestre dell'anno.

Sorprendente l'autentico trionfo fatto registrare in due mercati dalle enormi potenzialita' come quello russo, dove - rileva ancora l'associazione - lo spumante italiano ha visto le vendite in valore piu' che quadruplicate (+346 per cento), e in quello cinese, con un balzo in avanti del 147 per cento.

A preoccupare in questo caso, se i negoziati avviati non dovessero portare a conclusioni positive, e' la minaccia di dazi ipotizzata dal gigante asiatico per i vini europei come misura di ritorsione rispetto a quelli introdotti dall'Unione Europea per i pannelli solari.

Le bollicine Made in Italy ''tirano'' anche negli Stati Uniti, per un incremento del 21 per cento, ma il segno per le vendite e' positivo in tutti i cinque Continenti, Europa compresa. Ottimo, qui, il risultato in Gran Bretagna, con un boom del 56 per cento. Calano, invece, le vendite in Francia (-31 per cento) ed Germania (-17 per cento), proprio il paese dove si stanno diffondendo le imitazioni delle bollicine italiane, dal Kressecco e il Meer-Secco, anche se non mancano esempi di ''contraffazioni'' in tutti i continenti in Paesi come il Brasile dove e' proprio il prosecco a subire maggiormente i danni del plagio. I risultati migliori all'estero sono realizzati proprio dagli spumanti Dop come l'Asti ed il Prosecco (+ 29 per cento) mentre calano le vendite degli spumanti comuni (-3 per cento).

Nel 2012 l'Italia ha prodotto oltre 400 milioni di bottiglie di vini spumanti, fra metodo tradizionale e metodo italiano per un fatturato all'origine (alla cantina) di 1,2 miliardi di euro. Il consumo nazionale di bollicine e' stato di 145 milioni di bottiglie, per valore complessivo all'origine pari a 380 milioni di euro. Questo significa - conclude la Coldiretti - che il 65 per cento della produzione italiana e' destinato all'esportazione o in altre parole che oltre 6 bottiglie di spumante italiano su 10 sono stappate all'estero. com-rba/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia