sabato 03 dicembre | 00:06
pubblicato il 05/apr/2013 14:15

Vinitaly: Cia, nella crisi vino italiano traina export e occupazione

Vinitaly: Cia, nella crisi vino italiano traina export e occupazione

(ASCA) - Roma, 5 apr - Con la crisi il vino italiano diventa ancora piu' protagonista nell'economia del Paese. Non solo continua a macinare successi oltreconfine, compensando il calo netto dei consumi interni, ma in una fase di disoccupazione alle stelle crea imprese e nuovi posti di lavoro, soprattutto tra i giovani e le donne. Lo afferma la Confederazione italiana agricoltori (Cia) , alla vigilia dell'apertura della 47* edizione di 'Vinitaly' a Veronafiere.

Anche nel 2012 le bottiglie tricolori hanno premuto a fondo sul pedale dell'export, mettendo a segno una crescita in valore del 6,5% a quota 4,7 miliardi di euro per oltre 21 milioni di ettolitri consumati sui mercati stranieri. Vuol dire che, nonostante il calo produttivo per colpa del pessimo andamento climatico, l'Italia mantiene tuttora la leadership mondiale dei Paesi esportatori di vino con quasi il 22% del mercato globale.

Oggi nel mondo piu' di una bottiglia su cinque ''parla'' italiano. Con due cambiamenti importanti: si esporta meno quantita' e piu' qualita', con un aumento delle vendite all'estero di rossi e bianchi certificati rispetto al calo del vino sfuso -osserva la Cia- e continua a crescere il ruolo giocato dal continente asiatico. Infatti nel 2012 a trainare l'export del settore sono stati prima di tutto Cina (+15%) e Giappone (+28%), seguiti dai mercati di riferimento piu' ''tradizionali'' come Stati Uniti (+6%) e Germania (+4%).

Ma numeri straordinari, tanto piu' in questo momento storico, sono soprattutto quelli sull'occupazione nel ''pianeta vino''. Sono ben 1,2 milioni i lavoratori impiegati in Italia nel settore tra vigne, cantine e indotto -spiega la Cia- con un aumento del 50% negli ultimi dieci anni. In piu', un lavoratore dipendente su quattro tra i neo assunti nel comparto e' un giovane, mentre tra le donne a capo di imprese agricole (490 mila in totale), quasi il 30% conduce un'azienda vitivinicola. Tra queste, il 70% lavora prevalentemente in cantina; l'11% si occupa della ristorazione; il 9% e' sommelier e una percentuale identica e' addetta alla comunicazione.

Eppure, nonostante successi e traguardi collezionati dal nostro vino, il comparto mantiene delle contraddizioni su cui bisogna intervenire. Innanzitutto - evidenzia la Cia - non basta raggiungere nuovi mercati all'estero, bisogna anche trovare nuovi consumatori ''in casa''. Dal 1995 al 2012, infatti, il consumo pro capite di vino in Italia e' passato da 55 litri a 39, 'perdendo' per strada ben 16 litri.

Complici la crisi economica, le diete, i nuovi stili di vita.Anche lo stesso export, per intercettare al meglio la domanda proveniente dai nuovi bacini di consumo, richiede ora una piattaforma comune di filiera con un ''contagio'' positivo per tutte le aziende che operano nel settore. com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari