sabato 21 gennaio | 19:05
pubblicato il 26/feb/2013 10:52

VimpelCom: Lunder, Wind punta a crescere in Italia

(ASCA) - Roma, 26 feb - ''Wind e' uno straordinario successo, una storia esemplare per tutto il gruppo. Se vediamo com'era prima della nostra acquisizione e com'e' adesso, ha avuto un grande miglioramento''. E' quanto afferma Jo Lunder, amministratore delegato di Vimpelcom, uno dei maggiori operatori mondiali, in una intervista al Sole 24Ore.

Tuttavia riconosce che ''il mercato italiano e' stato difficile, per tutti gli operatori telefonici, negli ultimi anni. Ma noi guardiamo avanti con una strategia di lungo periodo, basata su nuovi modelli tariffari e il miglioramento della reputazione del marchio. Crediamo che il mercato italiano si riprendera'''. Sulla strategia tariffaria, Lunder indica che ''andiamo verso tariffe basate su bundle che includono sempre piu' cose: voce, sms internet, ovviamente, ma anche servizi delle aziende over the top come Google e Facebook. Sappiamo che loro sono qui per restare ed e' inutile combatterli: meglio collaborare con loro. Abbiamo appena annunciato un accordo con Google e Microsoft per consentire ai nostri utenti di acquistare app con il proprio conto telefonico, in modo semplificato. E' solo il primo passo. Avremo sempre piu' tariffe che includono per esempio l'uso di Facebook, come gia' fa Vimpelcom in Russia. Forse in futuro ne verranno anche accordi di revenue sharing, ma crediamo che per ora non ci aspettiamo nuovi ricavi bensi' la possibilita' di migliorare il servizio al cliente. Certo le tariffe a consumo sono destinate a sparire''.

Il numero uno di VimpelCom prevede per Wind che nei prossimi tre anni i ricavi di gruppo cresceranno del 5 per cento ogni anno e anche i margini miglioreranno. L'Arpu (Average revenue per user) si stabilizzera'. Per quanto riguarda la tlefonia fissa, l'ad di WimpelCom rileva che ''il mercato fisso deve essere piu' equilibrato nella competizione e questa e' nelle mani di Agcom, che deve abbassare le tariffe dell'unbundling. Ci aspettiamo che una decisione sara' presa presto e speriamo che sara' giusta Per il futuro, ci concentreremo sulla banda larga mobile. Per quella fissa, continueremo a giocare nel ruolo degli unbundler, anche sulla rete in fibra ottica di Telecom Italia. Lo scenario migliore per l'Italia e' quindi un'unica rete fissa di nuova generazione, con una vera uguaglianza nell'accesso da parte di tutti gli operatori, a prezzi giusti, con una competizione equilibrata''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4