venerdì 20 gennaio | 11:29
pubblicato il 28/ago/2013 11:47

Vendite dettaglio: Confesercenti, aumento Iva sarebbe follia

(ASCA) - Roma, 28 ago - ''Il crollo dei consumi continua e il piccolo rimbalzo di maggio e' gia' bruciato. Se l'alimentare va male, la situazione del non-alimentare appare addirittura tragica e testimonia come le famiglie siano costrette ormai a rinviare spese piu' impegnative. Il Consiglio dei Ministri non puo' ignorare lo stato disastroso dei consumi che si ripercuote in maniera micidiale soprattutto sui piccoli negozi con le inevitabili chiusure. Se il Governo non vuole fare il curatore fallimentare di migliaia di esercizi di vicinato eviti ogni aumento dell'Iva''. Lo afferma la Confesercenti commentando il dato delle vendite al dettaglio di giugno, scese dello 0,6%.

''La questione della sterilizzazione dell'aumento previsto dal primo ottobre sembra infatti accantonata e sarebbe davvero un gravissimo errore: il silenzio politico sembra pero' eloquente se si pensa che si stanno cercando nuove entrate per l'Imu - prosegue la Confesercenti -. Tasse, sempre tasse: una strada che soffoca il Paese mentre la via maestra dovrebbe essere quella di tagliare spesa pubblica e sprechi. Vista la situazione del mercato interno, al CDM di oggi chiediamo un intervento chiaro e significativo: secondo i nostri calcoli, l'incremento dell'IVA potrebbe portare a una contrazione di altri 3 miliardi dei consumi delle famiglie''. ''La base imponibile dell'aliquota ordinaria IVA, infatti, ammonta a circa 300 miliardi di euro - spiega l'Associazione -. Ma e' composta, per lo piu', da categorie merceologiche che, anche a prezzi correnti, hanno registrato nel 2012 e nella prima meta' del 2013 forti cali di vendite: vestiario e calzature hanno segnato un -10%, le autovetture addirittura il -20%, mobili ed elettrodomestici il -5,5%. Questi tre aggregati, da soli, gia' costituiscono circa meta' della base imponibile complessiva. E' percio' illusorio attendersi gettito consistente, mentre al contrario e' legittimo immaginare che l'aumento dell'Iva peggiori ancora i consumi. Stimiamo che l'incremento dell'imposta si trasformi in una contrazione di un altro punto percentuale delle vendite. Un avvitamento che danneggerebbe non solo consumatori e imprese della distribuzione commerciale, ma anche l'erario, che vedrebbe un calo del gettito nell'ordine di 300-400 milioni di euro''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale