martedì 28 febbraio | 08:59
pubblicato il 25/ott/2013 12:58

Vendite dettaglio: Coldiretti, aumento si spiega con flop vacanze agosto

(ASCA) - Roma, 25 ott - L'aumento delle vendite al dettaglio ad agosto spinta dagli alimentari (+1%) si spiega purtroppo soprattutto con il fatto che 3 milioni di italiani in piu' rispetto allo scorso anno sono rimasti a casa ad agosto e hanno continuato a fare la spesa perche' hanno tagliato le vacanze, ma anche i pasti ai ristoranti, pizzerie e trattorie. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat sul commercio al dettaglio ad agosto che aumentano dell'uno per cento per gli alimentari e in particolare dello 0,6% negli ipermercati, dell'1,3% nei supermercati e del 3,6% nei discount alimentari mentre calano dello 0,9% i piccoli negozi.

Nel mese di agosto di quest'anno un numero maggiore di italiani - sottolinea la Coldiretti - e' stato costretto a rimanere a casa, ma anche molti di quelli che sono andati in vacanza hanno preferito andare ad acquistare i prodotti alimentari nel commercio al dettaglio piuttosto che mangiare fuori casa come dimostra la grave crisi che ha subito la ristorazione turistica. Purtroppo la crisi continua a pesare ancora molto sui consumi e costringe gli italiani ad una spending review che riguarda i luoghi di consumo alimentare e le modalita' di fare la spesa.

Con la crisi si dice addio al negozio di fiducia e quasi la meta' degli italiani (47%) si reca in diversi esercizi commerciali per acquistare il prodotto che cerca dove costa meno, magari aiutati da internet e volantini sui quali e' guerra nel pubblicizzare offerte speciali e sconti, secondo l'indagine Coldiretti-Ixe' a ottobre 2013. Con il 71% dei consumatori che dichiara di confrontare con piu' attenzione rispetto al passato i prezzi, gli italiani - sottolinea la Coldiretti - sono costretti a trasformarsi in veri detective della spesa: il 62% va a caccia delle offerte speciali 3 per 2 e degli sconti e il 42% cerca sempre e comunque i prodotti che costano meno. Mai come nel passato - sottolinea la Coldiretti - fare la spesa e' diventata una sfida alla ricerca della maggiore convenienza che richiede fatica e tempo, portando gli italiani a fare la spola tra diversi negozi per risparmiare.

A cambiare - conclude la Coldiretti - sono anche le tipologie di prodotti che si mettono nel carrello con il 49% degli italiani che preferisce acquistare prodotti locali e solo l'11% quelli di una grande marca nazionale, mentre per il 32% e' indifferente e si guarda solo al prezzo o alla qualita'.

red/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech