mercoledì 22 febbraio | 02:43
pubblicato il 28/ott/2013 13:51

Vaticano: Standard Ethics eleva rating, passi rilevanti su trasparenza

Vaticano: Standard Ethics eleva rating, passi rilevanti su trasparenza

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 28 ott - Standard Ethics, agenzia di rating indipendente, ha reso noto di aver elevato lo Standard Ethics Rating (SER) attribuito allo Stato della Citta' del Vaticano a 'EE' dal precedente 'EE-' (che dal 12 luglio scorso aveva un 'outlook positivo'). ''Nel corso di questi mesi, Standard Ethics - riferisce un comunicato dell'agenzia - ha rilevato un ridimensionamento della distanza tra lo Stato della Citta' del Vaticano e le richieste internazionali in fatto di trasparenza e di rendicontazione delle proprie finanze e delle proprie istituzioni finanziarie, ed una fattiva collaborazione per la 'crescita della Comunita' internazionale'''.

''In particolare - prosegue il comunicato - appaiono rilevanti i passi effettuati contro il rischio di riciclaggio, illecito finanziario e finanziamento del terrorismo, soprattutto grazie al graduale adeguamento alle indicazioni del Financial Action Task Force - Groupe d'action financie're (FATF - GAFI) ed alle raccomandazioni della Divisione Moneyval del Consiglio d'Europa (processo necessario per accedere alla c.d. 'white list' dell'Ocse)''.

''Il passo di governance piu' significativo dello Stato della Citta' del Vaticano - afferma l'agenzia - e' individuato nella recente Legge N. XVIII dell'8 ottobre 2013 approvata dalla Pontificia Commissione per lo Stato della Citta' del Vaticano, avente per oggetto un organico e 'stabile' intervento legislativo in materia di trasparenza, vigilanza ed informazione finanziaria. Si tratta di un provvedimento che porta a conclusione un percorso avviato alcuni anni fa con la costituzione dell'Autorita' d'Informazione Finanziaria (AIF)''.

Il miglioramento del rating porta il Vaticano a uscire dal gruppo di Paesi in cui figurano, tra gli altri, anche Brasile e Polonia, e ad entrare nel gruppo in cui sono presenti anche Giappone e Italia.

dab/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia