domenica 11 dicembre | 12:49
pubblicato il 16/feb/2015 21:52

Varoufakis: ero pronto a firmare, Dijsselbloem ha cambiato testo

Non dubito che ci sarà accordo, negozieremo nelle prossime 48 ore

Bruxelles, 16 feb. (askanews) - Il ministro delle Finanze della Grecia, Yanis Varoufakis, ha confermato, durante la sua conferenza stampa ala fine dell'Eurogruppo stasera a Bruxelles, che era pronto a firmare un documento presentatogli dal commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici, per arrivare a un accordo sul programma di aiuti ad Atene; ma all'ultimo momento, prima della riunione dei ministri finanziari, quel documento è stato ritirato e sostituito da un altro che era inaccettabile per il suo governo.

Il nuovo documento, elaborato dal presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijssebloem, conteneva un "nebuloso linguaggio sulla flessibilità" che sarebbe stata concessa al governo greco, invece degli impegni che Atene si dichiarava disposta a prendere nel documento di Moscovici, impegni, ha spiegato ancora Varoufakis, che includevano "una clausola anti recessiva", ovvero l'avvertenza che, ad esempio "non sarebbero state ridotte le pensioni più basse o aumentata l'Iva". Secondo il ministro greco, alle sue domande di chiarimenti sulla "felssibilità" ("che significa, che dobbiamo tagliare le pensioni più basse del 5 e non del 10%?") non c'è stata risposta. Il nuovo governo greco è stato eletto, ha ricordato Varoufakis, per mettere fine all'attuale programma, che non ha funzionato, e non per "estenderlo e portarlo a termine con successo", come vorrebbe l'Eurogruppo. La Grecia, invece, vuole solo un'estensione del programma attuale di quatro mesi, come "ponte" per avere il tempo di concordare un nuovo programma completamente diverso.

Il ministro greco si è mostrato comunque ottimista: "Continueranno i negoziati nelle prossim 48 ore e non ho dubbi - ha detto - che troveremo il linguaggio adatto e ci sarà un accordo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina