lunedì 05 dicembre | 06:00
pubblicato il 23/mag/2014 12:00

Valter Mainetti: una svolta importante per il patrimonio artistico

Finalmente incentiva i moderni mecenati

Valter Mainetti: una svolta importante per il patrimonio artistico

Roma, 23 mag. (askanews) - " una norma che finalmente incentiva i moderni mecenati, coloro che hanno sempre considerato il patrimonio culturale italiano come un bene da proteggere ma allo stesso tempo sviluppare e valorizzare" - è quanto rileva sul D.L Cultura approvato ieri dal Governo il professor Valter Mainetti, amministratore delegato di Sorgente Group e presidente dell'omonima Fondazione, le cui collezioni di archeologia e pittura sono valorizzate ed esposte al pubblico in mostre temporanee nello Spazio Espositivo Tritone a Roma e in vari Musei italiani e stranieri. Secondo Mainetti "la detassazione prevista dal provvedimento porterà certamente una maggiore attenzione sui nostri beni culturali da parte del mondo imprenditoriale e finanziario, creando una maggiore sinergia tra il pubblico e il privato che avrà sicuramente un impatto positivo in molti settori e in particolare quello turistico, oltre a migliorare la considerazione internazionale del nostro Paese". L'amore di Sorgente Group per l'arte è evidente anche nella linea mantenuta nella gestione del proprio patrimonio immobiliare, che comprende vere e proprie icone dell'architettura contemporanea.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari