venerdì 20 gennaio | 22:03
pubblicato il 22/set/2014 19:42

Valls accolto da Merkel benevola ma linea rigore non cambia

La linea di rigore della Germania non cambia di una virgola (ASCA) - Roma, 22 set 2014 - Magro bottino, come era prevedibile e ampiamente atteso, del neo premier francese Manuel Valls alla sua prima trasferta a Berlino. A tirare le somme, quello che e' riuscito ad ottenere e' un atteggiamento diplomaticamente "benevolo" della cancelliera Angela Merkel, che fatti i complimenti di circostanza per i propositi di riforma annunciati da Parigi - e tutti da attuare - ha evitato di mettere l'interlocutore in difficolta'.

La Merkel ha infatti affermato che le valutazioni sugli sforzi messi effettivamente in campo dalla Francia spettano alla Commissione europea, che riguardino le riforme o i conti pubblici. Una posizione tutto sommato amichevole, visto che l'Esagono sta palesemente sforando gli obiettivi concordati sul risanamento dei conti: il rientro del deficit a valori in linea con quanto prescritto dai trattati Ue slitta al 2017.

E visto anche che il popolare tabloid conservatore Bild accoglieva il premier ospite con ben altri toni: "Francia malata flop, Germania al top", affermava eloquentemente il titolo di un articolo odierno, dedicato agli incontri. La cancelliera invece ha riutilizzato elogi di circostanza sulle riforme annunciate, che ha definito "impressionanti" (un termine gia' usato mesi or sono, quando invece commentava le riforme delineate per l'Italia dal presidente del Consiglio Matteo Renzi). Angela ha augurato un "in bocca al Lupo" a Manuel sulle riforme.

Ma a parte il garbo diplomatico della navigata cancelliera, in termini di impegni concreti a varare misure per rafforzare investimenti e crescita, e in questo modo favorire la ripresa di tutta l'area euro, dai tedeschi Valls non ha ottenuto assolutamente nulla. Semmai la Merkel gli ha ripetuto che esistono "molte possibilita' per creare crescita senza spendere di piu'" dai bilanci pubblici.

E cosi' il premier transalpino ha dovuto limitarsi a generiche affermazioni, come sul fatto che "i tedeschi amano la Francia che mantiene i suoi impegni, e la Francia ama i tedeschi che sono comprensivi". Sul fatto che in Europa "dobbiamo tutti assumerci le nostre responsabilita'". E che di fonte alle crescenti diffidenze tedesche sulle politiche francesi "capisco i dubbi e gli interrogativi, dei politici tedeschi, dell'opinione pubblica e della stampa".

Di fondo pero' resta il quadro di una Germania sempre piu' irrigidita, a fronte di appelli e pressioni che da piu' parti, nelle ultime settimane, si sono succeduti affinche' allenti in qualche misura il controllo della spesa pubblica. Aumentando gli investimenti e in questo modo aiutando anche il riequilibrio interno di Eurolandia. Il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble ha piu' volte chiarito che il governo non ha nessuna intenzione di far ricadere il bilancio in deficit, proprio ora che sul 2015, dopo oltre 40 anni si appresta per la prima volta ad averlo in equilibrio. E oggi la Merkel non ha minimamente mostrato di voler cambiare linea.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4