domenica 11 dicembre | 06:04
pubblicato il 23/giu/2012 11:30

Vacanze/ Coldiretti: Effetto crisi,cibi spiaggia per 32% italiani

L'anno scorso era 19%. Superati quelli che mangiano al ristorante

Vacanze/ Coldiretti: Effetto crisi,cibi spiaggia per 32% italiani

Roma, 23 giu. (askanews) - Tornano i cibi da spiaggia con un italiano su tre (32%) che in vacanza cucina da solo, quasi il doppio rispetto all'anno scorso, quando erano appena il 19%. Lo afferma la Coldiretti sulla base di un'indagine Swg, sottolineando che "si tratta di uno degli effetti della crisi, che favorisce vacanze brevi e al risparmio. E il numero dei vacanzieri che si prepara da mangiare da solo supera, per la prima volta negli ultimi cinque anni, il numero di quelli che vanno nel ristorante dell'albergo o della pensione in cui pernottano (28%)". In calo - sostiene l'organizzazione agricola - anche il numero di quelli che vanno in trattoria o pizzeria (19%) o nei bar e fast food (8%), mentre aumentano rispetto all'anno scorso quelli che beneficiano dell'ospitalità di parenti e amici (5%), "a dimostrazione dell'importanza della solidarietà familiare nel momento della crisi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina