giovedì 19 gennaio | 14:06
pubblicato il 29/mag/2014 14:44

Usa: Pil 1* trim rivisto al ribasso a -1,0%. Pesa decumulo scorte

(ASCA) - Roma, 29 mag 2014 - Revisione al ribasso nella seconda stima del Pil Usa del primo trimestre che passa da +0,1% a -1,0%. Un numero peggiore del consensus posto a -0,6%. Leggera revisione al ribasso anche le vendite reali finali che passano da +0,7% a +0,6%. I consumi personali sono saliti del 3,1%, gli investimenti fissi hanno accusato una contrazione pari a -1,6%, quelli in immobili residenziali -5,0%.

La flessione della crescita economica, superiore alle attese, guardando i numeri disaggregati appare soprattutto imputabile al decumulo di scorte del settore non agricolo. Un processo che e' anche una buona notizia, perche' anticipa un successivo accumulo che contribuira' positivamente al Pil del trimestre successivo. Il solo decumulo di scorte ha sottratto crescita al Pil per 1,6 punti. Contributo negativo anche dalle esportazioni nette che hanno sottratto 0,28 punti di crescita.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina