mercoledì 22 febbraio | 15:00
pubblicato il 20/giu/2013 11:36

UP: nel 2012 fattura energetica record a 64,4 mld. 4,1% del Pil

(ASCA) - Roma, 20 giu - Il conto che l'Italia ha dovuto pagare nel 2012 per approvvigionarsi di energia dall'estero e' salito a 64,4 miliardi di euro, rispetto ai 62,9 miliardi di euro dell'anno precedente, con un impatto sul Pil nazionale del 4,1%. E' quanto emerge dalla Relazione 2013 presentata in occasione dell'assemblea annuale dell'Unione Petrolifera che stima una fattura energetica in calo a circa 53-54 miliardi di euro per il 2013.

Sceso l'anno scorso il peso del petrolio sul costo dell'energia importata con una fattura petrolifera che e' scesa da 34,5 a 33,9 miliardi di euro come risultato dell'aumento delle quotazioni internazionali e dell'effetto cambi che hanno compensato la forte contrazione dei consumi (-8,1%). In deciso aumento la spesa per il gas, salita da 21,1 a oltre 24 miliardi di euro.

fgl/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%