martedì 06 dicembre | 04:53
pubblicato il 08/ago/2013 19:01

Unipol: cresce del 10,5% la raccolta nel primo semestre

(ASCA) - Roma, 8 ago - Unipol ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile netto consolidato di 201,8 milioni di euro,dato non confrontabile con il risultato dell'analogo periodo 2012, pari a 126 milioni, che non comprendeva gli effetti dell'acquisizione del gruppo Premafin/Fondiaria-Sai.

La raccolta, informa una nota, e' salita del 10,5% a 9,097 miliardi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Nello specifico, il comparto Vita ha fatto registrare una raccolta in crescita del 48,8% a/a a 3,999 miliardi che ha compensato il calo dell'8,1% a 5,097 miliardi registrato sul fronte Danni.

Per quanto riguarda la seconda parte dell'anno, la compagnia ritiene che l'andamento positivo ottenuto nel primo semestre nel comparto assicurativo faccia ritenere possibile raggiungere gli obiettivi reddituali fissati. com-fch/lus/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari