domenica 19 febbraio | 15:19
pubblicato il 01/ago/2014 11:34

Unioncamere: nel 2014 aziende riducono assunzioni degli under 30

(ASCA) - Roma, 1 ago 2014 - Anche il 2014 sara' un anno difficile per i giovani in cerca di occupazione: per le assunzioni di personale under 30 le imprese mettono a disposizione il 27,2% dei posti di lavoro, quota che per il 2013 ammontava invece al 30,4%. E' quanto emerge dalle previsioni di assunzione nel settore privato, contenute nel Sistema Informativo Excelsior, di Unioncamere e Ministero del Lavoro. In valore assoluto si prospettano, quindi, circa 167 mila assunzioni esplicite di under 30 (alle quali se ne potra' aggiungere una parte delle oltre 314 mila per le quali l'eta' non e' considerata rilevante).

Dopo aver toccato un massimo del 21,5% nel 2009, nei quattro anni successivi la quota di assunzioni per le quali le donne sono ritenute piu' adatte degli uomini e' oscillata fra il 18 e il 19%, segnando infine, per il 2014, un brusco abbassamento al 16,8%. La contrazione della quota di assunzioni ''al femminile'' non va pero' sempre o non interamente a favore degli uomini, ma va soprattutto a innalzare la quota di assunzioni per le quali il genere non fa differenza: era pari al 45,7% nel 2008, e' stata del 52,6% nel 2013 e per il 2014 e' passata al 55,2%, aumentando di oltre 9 punti rispetto all'anno iniziale. La crescente indifferenza verso il ''genere'' del personale da assumere e la stessa contrazione della quota per la quale le donne sono ritenute preferibili non rappresentano quindi di per se' un fattore di discriminazione, ma piuttosto un'indicazione concreta di maggiore ''parita' di genere''.

Il minore ricorso a lavoratori immigrati era gia' stato colto nell'indagine Excelsior dello scorso anno quando la quota (massima) delle assunzioni di queste figure (sempre con riferimento a quelle direttamente effettuate dalle imprese) si attestava al 14,7%, la percentuale piu' bassa al 2008 in poi, inferiore di oltre 3 punti a quella dell'anno precedente. Questa tendenza al ribasso viene confermata anche per il 2014, quando la loro quota sul totale delle assunzioni scende ancora di oltre un punto, portandosi al 13,5%. In valore assoluto, nel 2014, le assunzioni di lavoratori immigrati potranno raggiungere al massimo le 83mila unita', sostanzialmente in linea con quelle del 2013.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia