giovedì 19 gennaio | 20:13
pubblicato il 21/mar/2014 12:52

Unioncamere: nel 2013 le imprese straniere sfiorano quota 500mila

(ASCA) - Roma, 21 mar 2014 - E' passato prima di tutto per Napoli, Roma, Monza e Milano il ''treno'' ultraveloce dell'impresa straniera in Italia. Nel 2013, infatti, sono queste le province che registrano i tassi di crescita piu' consistenti di un esercito che sfiora ormai le 500mila unita', pari all'8,20% del totale delle imprese registrate nel nostro Paese. Un esercito quasi invincibile, visto che le 497.080 imprese, di cui 384.318 guidate da cittadini stranieri extra UE, si sono espanse a un ritmo di gran lunga superiore a quello del totale delle imprese (+4,88% nel 2013 a fronte del +0,21% del totale), e, aumentando di 23.285 unita', hanno consentito di mantenere in campo positivo il bilancio anagrafico di tutto il sistema imprenditoriale italiano (cresciuto, nello stesso periodo, di sole 12.681 posizioni). Questi i dati ufficiali sulla natalita' e mortalita' delle imprese guidate da stranieri risultante dal Registro delle imprese delle Camere di commercio italiane, diffusi oggi da Unioncamere. ''Siamo in presenza di una completa affermazione all'interno della nostra societa' del fenomeno ''stranieri', che puo' contare sia sulle tante imprese guidate da immigrati, sia su un vasto bacino della forza lavoro impiegata all'interno del nostro sistema produttivo, a tutto vantaggio anche dell'integrazione sociale'', sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. ''Una forza occupazionale complessiva che fornisce un apporto determinante alla produzione economica del nostro Paese, come emerge dalle stime di Unioncamere sul valore aggiunto derivante dall'attivita' degli occupati stranieri, che, nel 2011, ha raggiunto una incidenza del 12,8%, pari a 178,5 miliardi di euro in termini nominali. Un contributo che occorre ulteriormente valorizzare anche facendo emergere quelle ''sacche di illegalita''' che rischiano di mettere in ombra i tanti stranieri che onestamente e con passione concorrono allo sviluppo del Sistema Italia. Per questo - aggiunge Dardanello- all'Audizione presso il Comitato Parlamentare Schengen abbiamo proposto da un lato di incrementare le attivita' di vigilanza sul mercato e sanzionatorie che svolgono gli enti camerali per scoraggiare la clandestinita' che alimenta il mercato della contraffazione, mettendo a disposizione delle Camere di commercio e degli organi accertatori una parte dei proventi derivanti dall'attivita' sanzionatoria. Dall'altro lato, - conclude il presidente- abbiamo esposto la necessita' di avere accesso alle altre banche dati delle Pubbliche amministrazioni per incrociare nel tempo le informazioni con quelle contenute nel Registro delle imprese ed operare cosi' una piu' netta demarcazione tra imprese ''vere'', che effettivamente operano legalmente sul mercato, e quelle ''irregolari'' che di fatto fanno capo a un soggetto ''vuoto''. com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale