domenica 11 dicembre | 13:04
pubblicato il 24/mag/2013 14:55

Unioncamere: guida progetto europeo sulla dieta mediterranea

Unioncamere: guida progetto europeo sulla dieta mediterranea

(ASCA) - Roma, 24 mag - Dopo il riconoscimento dell'Unesco come patrimonio dell'umanita', la Dieta Mediterranea e' ora, per la prima volta, al centro di un progetto europeo che coinvolgera', nell'arco di 30 mesi, 6 paesi che si affacciano sulle sponde del Mare Nostrum: Italia, Grecia, Spagna, Egitto, Tunisia e Libano. Capofila dell'iniziativa e' Unioncamere, in partnership con il Centro servizi promozionali per le imprese della Camera di commercio di Cagliari, l'Associazione nazionale Citta' dell'olio, il Forum delle Camere di commercio dell'Adriatico e dello Jonio ed altri 9 partner dei diversi Paesi coinvolti.

Presentata ufficialmente a Roma, l'iniziativa ''MedDiet - Dieta Mediterranea e valorizzazione dei prodotti tradizionali'', ha ottenuto il finanziamento di un progetto strategico finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del programma Enpi Cbc Med il cui budget totale sfiora i 5 milioni di euro e che avra' una durata di 30 mesi a partire dal 1* gennaio 2013.

Diverse le linee d'azione previste, tutte orientate a perseguire l'obiettivo specifico di aumentare la consapevolezza della Dieta Mediterranea come parte integrate di uno stile di vita, fatto, come recita la motivazione dei riconoscimento dell'Unesco, di ''un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola'', passando attraverso prodotti della terra e del mare, per finire nei nostri piatti. Ma non solo. Perche' la Dieta Mediterranea ''promuove l'interazione sociale (...) e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, racconti e leggende''. Insomma, un vero e proprio modo di vivere che affonda le sue radici nei saperi dei territori e che ha il suo punto di forza in tanti prodotti alimentari tradizionali che, oltretutto, hanno anche una grande valenza in termini economici. Obiettivo dei promotori e' giungere, alla fine di questo percorso a un Accordo Euro-Mediterraneo per la promozione e la tutela della Dieta Mediterranea e che spinga anche i Paesi che si affacciano sulla riva sud del Mare Nostrum ad adottare e condividere gli strumenti di tutela riconosciuti a livello europeo ai prodotti agroalimentari, grazie ai quali la Ue oggi vanta ben 1.147 prodotti tutelati e garantiti di cui 251 made in Italy.

''La vera forza di questo progetto - sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello - sta nel partenariato: una rete delle reti che coinvolge le citta' dell'olio, le Camere di commercio italiane ed estere, quelle del Mediterraneo, dell'Adriatico e dello Ionio, di Beirut e di Monte Libano, di Messinia e di Tunisi, le associazioni di categoria e gli istituti di ricerca. La rete e' un fattore strategico per realizzare il programma di lavoro e per dare un effetto moltiplicativo agli eventi e alle attivita' che verranno organizzare per coinvolgere milioni di consumatori e di imprese, ma anche le istituzioni politiche dell'intero bacino del Mediterraneo''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina