venerdì 09 dicembre | 17:14
pubblicato il 10/apr/2014 18:30

Unioncamere: distretti hanno perso pezzi ma conquistano quote all'estero

Unioncamere: distretti hanno perso pezzi ma conquistano quote all'estero

+++ Nonostante il calo di fatturato e occupazione, nel 2013 superati i 77 mld di euro di saldo commerciale +++.

(ASCA) - Roma, 10 apr 2014 - C'e' (ancora) un'Italia che va.

Ha perso qualche pezzo in questi anni, cedendo fatturato e riducendo occupazione, ma ha conquistato notevoli quote di mercato all'estero, arrivando a superare lo scorso anno i 77 miliardi di euro in termini di saldo commerciale. E' la fotografia del Paese ''reale'' descritto nel Rapporto sui Distretti 2014, promosso da Unioncamere e presentato oggi a Roma, e che delinea un'Italia ancorata al proprio territorio, che si riposiziona e individua nuove strategie, che si evolve ed innova. Sfatando cosi' almeno due miti: che la globalizzazione avrebbe azzerato la connessione tra impresa e territorio e che i settori ''maturi'' sarebbero stati sopravanzati dalla concorrenza dei Paesi emergenti.

Questa Italia ''che va'', che guarda al domani con qualche speranza, e' l'Italia - afferma Unioncamere - delle 278mila piccole e medie imprese operanti nei 100 distretti monitorati dall'Osservatorio nazionale, nei quali operano quasi 1,4 milioni di addetti e alle quali si devono circa 75 miliardi di euro di valore aggiunto prodotto.

Considerando il complesso delle aree distrettuali, queste imprese concentrano oltre il 50% dell'occupazione manifatturiera italiana. Un modello - tutto italiano - il cui campione assoluto (in termini di performance economiche nel 2013) e' il Metadistretto alimentare Veneto, ''tallonato'' da due leader toscani: il distretto delle pelli cuoio e calzature di Valdarno Superiore e quello del tessile-abbigliamento di Empoli. Un'Italia che delocalizza meno (e che in qualche caso addirittura dall'estero ritorna ''a casa'') e che cerca sempre di piu' la strada della collaborazione con altre imprese (anche all'estero) per essere competitiva.

''La proiezione sui mercati internazionali delle filiere distrettuali ha il suo fondamento in quella cultura del produrre fatta di qualita', genialita', tradizione che nessuno potra' mai imitare, perche' ha valori fondanti nel territorio e nei saperi locali, che la globalizzazione esalta anziche' distruggere'', ha commentato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello.

com/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina