venerdì 09 dicembre | 19:21
pubblicato il 05/mar/2013 11:29

Unioncamere: dall'export le speranze per la ripresa

Unioncamere: dall'export le speranze per la ripresa

(ASCA) - Roma, 5 mar - Se Natale ha dato una mano solo alle vendite dei supermercati, che chiudono quasi in pareggio, il calo della domanda interna ha colpito le imprese di tutti i settori negli ultimi mesi del 2012 e fa pensare, soprattutto gli operatori del commercio e della filiera turistica, a un primo trimestre 2013 ''in rosso''. L'export e' l'unico indicatore che, nelle previsioni delle imprese manifatturiere, mostra segnali positivi e accende le speranze di una ripresa dell'economia anche se i benefici della competitivita' estera dei nostri prodotti saranno colti prevalentemente dalle imprese settentrionali, Nord Ovest in testa. E' quanto emerge dall'indagine congiunturale effettuata dal Centro studi di Unioncamere relativa al IV trimestre 2012 e alle previsioni per il I trimestre 2013.

''Le incertezze del mercato interno continuano a farsi sentire sul nostro sistema produttivo'', ha commentato il Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. ''Dopo aver vissuto un periodo natalizio decisamente sotto tono e aver dato corso a una stagione dei saldi che sembra non aver dato i risultati desiderati, il commercio al dettaglio si appresta ad iniziare una nuova fase all'insegna della riduzione delle vendite. Il contesto di difficolta' complessivo sembra colpire anche le imprese della filiera turistica che pure, almeno nelle aree di montagna, dovrebbe proprio in questi mesi sperimentare le performance migliori''. Passando alle previzioni per il primo trimestre le imprese industriali mostrano ancora di risentire del clima economico sfavorevole, alimentato principalmente dalle incertezze sul fronte interno. A fronte di poco meno della meta' di operatori che puntano a mantenere inalterati i volumi prodotti e il flusso di vendite, sono oltre un terzo le imprese che continuano ad attendere cali di produzione e fatturato. I saldi di questi indicatori segnano infatti rispettivamente -17,6 e -16,7. Ampi, comunque, i differenziali tra classi dimensionali. Le imprese con meno di 49 addetti e gli artigiani appaiono decisamente piu' pessimisti, tanto che i saldi scendono sotto i -25 punti nel primo caso, e a -33 punti nel secondo. Dai 50 addetti in su, invece, lo scarto tra aspettative di miglioramento e peggioramento e' meno accentuato (intorno a -6 punti per entrambi gli indicatori). Migliori le attese degli operatori sul fronte estero. Le previsioni risultano in questo caso positive (ad esclusione dell'artigianato) di quasi 9 punti percentuali, con un sensibile scarto tuttavia tra le dimensioni minori (che segnano un saldo tra attese di incremento e di diminuzione di solo +1,5 punti) e le imprese di maggiori dimensioni (+12,3).

Sotto il profilo settoriale, a essere piu' penalizzate dalla mancanza di prospettive di recupero, sia sul fronte della domanda interna che di quella estera, sono le industrie del legno e del mobile, unico settore a esibire un saldo previsivo negativo anche sugli ordinativi esteri. Il debole mercato interno incide, invece, piu' decisivamente sulle aspettative delle industrie alimentari e delle altre industrie, che, a fronte di un prevalente pessimismo in termini di produzione e fatturato, presentano saldi positivi per gli ordinativi esteri, grazie alle attese delle imprese con oltre 49 addetti. L'orizzonte e' meno scuro per le industrie meccaniche e per quelle chimiche e delle materie plastiche.

Le imprese meridionali mostrano piu' delle altre timore per l'andamento del I trimestre dell'anno: i saldi di produzione e fatturato sono pesantemente negativi (-25,3 e -23,3 punti, rispettivamente) soprattutto a causa delle difficolta' che sembrano prospettarsi per le imprese di piccole dimensioni. Anche le imprese del Nord Est denunciano un marcato pessimismo per tali indicatori (intorno al -20%), mentre Centro e Nord-Ovest mostrano saldi negativi ma non vanno oltre il -15%. Quanto alla domanda internazionale e' il Nord Ovest l'area in cui si evidenziano previsioni migliori (+13,8), seguita dal Nord Est (+6,5%), quindi dal Centro (+2,5 il saldo). Positivo di solo 1,2 punti percentuali il saldo tra attese di incremento e di diminuzione degli ordinativi esteri del Mezzogiorno.

Gli operatori del commercio continuano a soffrire per la persistente stagnazione dei consumi interni: -37,5 punti il saldo tra attese di aumento e di diminuzione delle vendite, con i piccoli esercizi che segnano un -45,9. La pesantezza del clima tra i dettaglianti e' attestata dall'outlook decisamente negativo espresso dal segmento food (-42,1 punti il saldo), addirittura peggiore rispetto a quello del settore non alimentare (-38,7). Leggermente meno fosche le aspettative della Gdo, dove sale al 53,4% la quota degli esercizi che punta sulla stabilita' delle vendite, ma il saldo e' comunque negativo (-23,4). Su scala territoriale, a fronte di previsioni migliori della media nazionale nelle regioni del Nord (-30,4 e -28,5, rispettivamente, i saldi nel Nord Ovest e Nord Est), al Centro-Sud sono attese piu' marcate manifestazioni di sofferenza nelle vendite (-52,0 e -39,3 i saldi nel Centro e nel Sud e Isole, rispettivamente).

La criticita' del quadro economico trova riscontro anche nelle prospettive delle imprese degli Altri servizi per il I trimestre 2013: le dichiarazioni degli operatori si concentrano (57,0%) sulla stabilita' del volume d'affari, ma un ulteriore terzo di essi ritiene concreto il rischio di un peggioramento. La spinta al pessimismo viene soprattutto dalle imprese della filiera della ristorazione e del turismo (-33,0 il saldo), particolarmente sensibili al calo dei consumi. Solo per i servizi dell'Ict l'intonazione e' meno negativa (-6,8 il saldo), grazie soprattutto a un cauto ottimismo espresso dalle imprese con oltre 50 dipendenti. Su scala territoriale non si apprezzano differenze di particolare rilievo: il Sud e Isole e il Nord Ovest sono accomunate dal prevalere in maniera piu' netta di giudizi negativi, mentre nel Nord Est e nel Centro il pessimismo e' lievemente piu' temperato rispetto alla media italiana.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Natale
Coldiretti: alberi di Natale in 9 case su 10
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina